Napoli

Riflessioni sul corso gi aggiornamento: “Crimini e mass media: tra stereotipi e ambiguità”

corso

La professione del giornalista non è affatto facile. Durante il corso di aggiornamento, tenutosi a Napoli, si è parlato di violenza di genere e di come le parole utilizzate dal professionista siano importanti

Le parole sono importanti soprattutto quando si scrive di violenza di genere. Anche di questo si è parlato nel corso di un incontro di formazione per giornalisti svoltosi venerdì pomeriggio nei locali dell’Academy School di Piazza Amore a Napoli.

Il corso sul tema “Crimini e mass media tra stereotipi e ambiguità” ha visto la partecipazione di illustri relatori ed è stato moderato da Mimmo Falco, vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e presidente Corecom Campania.

Dopo i saluti di Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei giornalisti Campania, di Eduardo Maria Piccirilli, presidente dell’Academy School, e di Salvatore Campitiello, presidente Assostampa Campania Valle del Sarno, il dibattito tra i relatori è entrato nel vivo. Il Questore di Napoli, Antonio De Iesu, nel suo intervento ha evidenziato – tra l’altro- l’importanza dello sport come strumento di prevenzione alla violenza, specie nei luoghi di disagio sociale.

Virginia Ciaravolo, psicoterapeuta e criminologa, – centrale il suo intervento ai fini dell’aggiornamento- si è soffermata sull’importanza dell’uso corretto delle parole quando si scrive di violenza di genere: “Anche scrivere ‘omicidio passionale’ non è corretto perché si fa riferimento indirettamente al delitto d’onore – ha spiegato nel corso del sul intervento CiaravoloNelle cronache spesso i giornalisti usano delle frasi fatte che sembrano voler giustificare l’autore di un delitto: ‘disoccupato’, ‘depresso’, ‘in preda a un raptus’. Spesso l’uomo da carnefice diventa vittima. La descrizione della realtà nel suo complesso, al di fuori di stereotipi e pregiudizi, è il primo passo per un profondo cambiamento culturale della società e per il raggiungimento della reale parità”.

Il giornalista de Il Mattino, Leandro Del Gaudio, ha focalizzato il suo intervento sulla cronaca e sulla deontologia giornalistica, di fondamentale importanza per chi esercita questa professione.

L’avvocato Nicodemo Gentile ha chiuso i lavori presentando il suo libro “Laggiù tra il ferro. Storie di vita, storie di reclusi”, e ponendo l’accento sulle violenze in ambito carcerario.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi