Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rifiuti italiani – una cosa che puzza ancora

Due anni dopo lo scoppio dello scandalo rifiuti italiano, un giudice tunisino ha deciso la sorte degli imputati. Mercoledì la Camera Penale del Tribunale di Tunisi ha condannato a tre anni di carcere l’ex ministro dell’Ambiente Mustafa Arrouei. Altri tre sono stati condannati a tre anni di carcere. Il titolare dell’azienda tunisina responsabile dell’importazione di rifiuti italiani – run – è stato condannato in contumacia a quindici anni di reclusione, e l’amministratore del ministero dell’Ambiente è stato condannato a dieci anni di reclusione. L’ex ministro dell’Ambiente Chokri Belhassen – sospettato di coinvolgimento – è stato assolto.

In reazione all’annuncio del verdetto, il deputato Majdi Garbai ha pubblicato uno status sulla sua pagina Facebook giovedì 5 gennaio 2023, ricordandogli che 1.900 tonnellate di rifiuti italiani sono ancora sul suolo tunisino. Citando un rapporto del maggio 2021 di Bernardo Lavne e trasmesso sul canale italiano Roy 3, il politico ha affermato che l’ex ambasciatore tunisino a Roma non è riuscito a contattare le autorità locali nella regione meridionale italiana della Campania. Rifiuti alla fonte.

Il deputato non ha mancato di considerare la decisione del giudice tunisino come insufficiente vista la gravità del caso. ” Oggi in Tunisia rifiuti e tossine possono essere portati nel Paese, il governo spende miliardi per rimpatriarli, e noi prendiamo solo tre anni di carcere, mentre criticare il presidente, il capo del governo o un ministro per ‘postura’ spetta a cinque anni di carcere. “, ha scritto riferendosi al famigerato Ordine 54.

Veniamo ai fatti. Il 2 novembre 2020, il canale El-Hiwar ha trasmesso un episodio del programma di Hamza Belloumi “Le quattro verità”. In questa puntata i giornalisti smascherano una rete di contrabbandieri la cui missione è liberare l’Italia dai bidoni della spazzatura sotto i quali il Paese si sgretola e fatica a svilupparsi. Quel giorno, il pubblico ha appreso che nel 2019, ogni anno, circa 120.000 tonnellate di rifiuti e materiali di recupero dovranno essere trasportati in container in Tunisia. Una società italiana (Sviluppo Risorse Ambientali) con sede a Salerno e specializzata nel recupero dei rifiuti si è accordata con il titolare di un’azienda tunisina di trattamento dei rifiuti di plastica (Soreplast), che dovrebbe ricevere 48 euro a tonnellata.

READ  un media n rvvile linertie des garde-cites libeens face aux naufrages in leurs eaux territoria

Firmato l’accordo, 282 container, dal porto della città italiana, alla città costiera di Sousse, in Tunisia, con 7.800 tonnellate di rifiuti pericolosi, la loro rimozione secondo la classificazione della Convenzione di Basilea sul controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti pericolosi Sciupare.

Quando i servizi doganali scoprono il potenziale dei container, scoppia uno scandalo ambientale senza precedenti, che rivela un vasto caso di corruzione. Sulla carta, l’azienda tunisina ha bisogno di recuperare rifiuti industriali, soprattutto plastica, per completare il processo di riciclo in Tunisia. Tuttavia, in realtà, è arrivato in contenitori per rifiuti misti e prodotti sanitari.

A seguito del caso, sette persone sono state arrestate, tra cui l’ex ministro dell’Ambiente licenziato e alti funzionari delle dogane tunisine e dell’Agenzia nazionale per la gestione dei rifiuti per corruzione. Undici sospetti sono indagati, anche presso l’ambasciata tunisina a Napoli.

Il viaggio dei rifiuti italiani verso la Tunisia è iniziato a maggio 2020, sebbene l’importazione e l’esportazione di rifiuti domestici sia vietata dalla legge tunisina e da quanto previsto dalle convenzioni internazionali, in particolare la Convenzione di Bamako, di cui la Tunisia è firmataria – e che, dal 1998, ha vietato l’importazione in Africa di scorie pericolose e radioattive provenienti da parti non contraenti. L’ultimo carico ha attraccato a Sousse nel luglio 2020.

Rimpatriare in Italia per vie legali 7.800 tonnellate di rifiuti non è un compito facile. Negli ultimi due anni, il governo tunisino è riuscito a rispedire in Italia solo i tre quarti dei rifiuti trasportati a Sousse, dopo una tonnellata di documenti falsi e un viaggio nel Mediterraneo organizzato da alcuni piccoli cervelli nazionali. Tuttavia, il Consiglio di Stato italiano ha deciso in merito ordinando alla società esportatrice italiana di restituire i propri rifiuti entro 90 giorni dal 9 dicembre 2020. Successivamente, sono stati restituiti solo 213 container su 282 trovati. febbraio 2021.

READ  Presto arriveranno sul mercato italiano le prime fragole bianche

Si ricorda che la società italiana Sviluppo Risorse Ambientali ha impugnato la decisione della regione Campania dinanzi alla convocazione del Consiglio di Stato italiano, adempiendo parzialmente alla restituzione di parte dei container. Secondo la stampa italiana, non si tratta del primo scandalo che coinvolge l’azienda di trasporto rifiuti. Nata nel 2008, Sviluppo Risorse Ambientali è stata al centro di un’indagine giudiziaria condotta nel 2016 dalla Direzione Investigativa Antimafia di Salerno. Il suo proprietario Tommaso Palmieri è accusato di gestire un impianto di riciclaggio totale dei rifiuti. L’azienda è stata anche citata in una relazione parlamentare italiana sul legame tra l’industria dei rifiuti e la criminalità organizzata.

Se l’azienda italiana non ha ancora recuperato il resto dei suoi rifiuti, evaporerà. 1.900 tonnellate sono scomparse dal magazzino di M’saken dove erano immagazzinate. Ad agosto 2022, secondo il rapporto di Majdi Garbai, i rifiuti sono stati sepolti in Tunisia.

Nadia Jennen