Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Restrizioni sui veicoli elettrici in caso di carenza RFID – rts.ch

In caso di grave carenza di energia elettrica, il sindacato offre la possibilità di ridurre sensibilmente l’uso dei veicoli elettrici. Questa misura è messa in discussione da coloro che hanno deciso di abbandonare il motore a benzina.

Stefan Zoetler è passato all’elettrico sei anni fa, quando ha sostituito la sua auto precedente che aveva raggiunto la fine della sua vita. “Scegliere un veicolo elettrico è una storia di costi”, conferma lunedì alle 19:30 RTS. “Ci sono tasse, ma c’è anche una manutenzione dell’auto molto più economica”.

Ma questo conducente potrebbe pagare il prezzo della sua decisione in caso di grave carenza di elettricità questo inverno. Poi potrà usare la sua auto solo per lo stretto necessario, ad esempio il lavoro e la spesa, come previsto dal sindacato.

>> Leggi: Riscaldamento limitato, quote e interruzioni: il piano del Consiglio federale in caso di blackout

E il fatto che il tetto di casa sua produca calore ed elettricità non cambia nulla. “Abbiamo investito in pannelli solari sui tetti e producono la stessa quantità di elettricità che consumiamo durante tutto l’anno e abbiamo dei limiti”, si è lamentato.

eco anche sulla stampa estera

Queste misure riguardanti le auto elettriche in Svizzera hanno fatto reagire anche la stampa estera, con titoli come “Perché la Svizzera vuole vietare le auto elettriche?” , “La Svizzera potrebbe vietare le auto elettriche durante la crisi energetica” o anche “La Svizzera sta valutando la possibilità di vietare la guida per le auto elettriche”.

Non ci sarà infatti un divieto ma una restrizione che entrerà in vigore solo al terzo livello dei provvedimenti dell’Unione. In questo caso, inoltre, non sarà possibile guardare DVD o video in streaming e si dovrà fare a meno dei videogiochi.

READ  Si avvicina la fine dei biglietti aerei a 20, 30 o 40 euro: "l'inevitabile"

Caricare le batterie durante la notte?

Ma per i sostenitori della mobilità elettrica, le azioni rivolte ai veicoli elettrici vanno troppo oltre.

“Possiamo decidere di ricaricarlo solo tra mezzanotte e le sei del mattino”, osserva Olivier Bourgeois, presidente dell’Associazione romanda degli utenti di veicoli elettrici. “Anche in quelli che sono probabilmente i periodi più stressanti di questo inverno, non sarà così teso nel cuore della notte. Sarà solo in determinati periodi di tempo come tra le 18:00 e le 22:00.

E secondo Berne il tempo “non ha alcun ruolo”

L’amministrazione federale però non condivide questa analisi: “Se le persone che possiedono auto elettriche le usano meno e quindi le ricaricano meno, ciò contribuisce alla possibilità di utilizzare l’energia altrove”, risponde l’Ufficio federale dell’approvvigionamento economico del Paese. . “Il momento in cui i veicoli elettrici vengono ricaricati non gioca un ruolo”, afferma.

Comunque sia, questi veicoli sono ancora relativamente rari in Svizzera: solo uno su cinquanta è puramente elettrico.

Phileas Uther/oang