Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Reazioni dei giocatori standard dopo aver perso contro Zolte


Il registratore è entrato negli straordinari. Una palla lunga arriva mentre Joao Klaus sfreccia fuori dal suo controllo prima di correre il rischio. La pubblicazione, tuttavia, rimanda il suo tentativo. Il grande attaccante non riesce di certo a centrare la rete avversaria. “Questa è sfortuna. Tuttavia, abbiamo avuto possibilità ma non ha funzionato. È triste. “

Per usare un eufemismo. La norma sta sprofondando in una crisi sempre più profonda. Non siamo in grado di sporgere denuncia. La nostra classifica attuale è una vergogna. Ci sono molte cose da cambiare per superarlo. Dall’inizio della stagione abbiamo perso punti nelle partite a portata di mano. Non è normale. Neanche tutto va buttato via, dobbiamo costruirci sugli elementi positivi per andare avanti, e ricostruirci. “

Carcela: “Capisco la frustrazione dei tifosi”

Guarda la tazza a malapena piena, piuttosto che la brocca quasi vuota. Un approccio che si addice a Mehdi Karsella. “Sono ancora fiducioso, perché c’è qualità nel gruppo. Bisogna continuare a lavorare, per farcela. Tutti. Le parole sono fatte per unire. Giocatori e tifosi”. Capisco la frustrazione dei tifosi, perché il Liegi è la mia città, quindi sono cattivo come loro. Ma attraverso la solidarietà potremo riprenderci. Non distratto. Ho avuto difficoltà con lo Standard in passato e siamo sempre riusciti a superarlo. Con la testa, che ha bisogno di qualche giorno per svuotarsi. Senza dimenticare ciò che abbiamo appena testato, ma tieni presente che solo il futuro può ancora essere cambiato. “

Inquadrato in un gruppo gravemente carente di personalità, il reparto si assume le sue responsabilità. Come meglio può con le idee che conosciamo. Perplesso, sbava e osa. Tre elementi che ha cercato di mostrare davanti al suo zombie. Timido sulla sinistra nel primo tempo, con più precisione sull’altro lato dopo l’intervallo. Ma senza essere tangibile. Perché la vitalità non è più quella di una volta. “Noi siamo i giocatori dello Standard quindi sta a noi alzare il rating. L’allenatore sta dando la vita per noi, mettendoci nelle migliori condizioni possibili. Ma non è in campo, quindi non può decidere l’esito di le partite. Stiamo bene, non importa la pressione. Ho già parlato con i giovani e nuovi, sanno come funziona tutto. Sono sicuro che possiamo fare la differenza. L’allenamento in Spagna dovrebbe essere un punto di partenza per il rinnovo …”

READ  Formula 1 | Picchi, flop e domande dopo il Gran Premio del Messico