Cinema Cultura e Spettacolo

Raffello Sanzio, l’arte del “Principe” arriva al cinema in 3d

Per chi ancora non l’avesse visto, c’è di tempo oggi e domani per andare al cinema e ammirare l’arte di colui che incantò i Papi e divenne pietra miliare del Rinascimento: “Raffaello Sanzio, Il Principe della Arti, in 3D

Una produzione Sky, Musei Vaticani e Nexo Digital, che si è avvalsa della consulenza di esperti, da Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani sino al 2016,  a Vincenzo Farinella, docente alla Normale di Pisa e  Antonio Natali, ex direttore degli Uffizi.

Sicuramente fanno da padrone le riprese, che danno alla spettatore la sensazione di immergersi in luoghi d’arte come il Palazzo Apostolico.

Per non parlare della ricostruzione in virtual reality 360° della Cappella Sistina,  che dona unicità alla pellicola. Presenti anche ricostruzioni storiche, che vedono l’attore Flavio Parenti interpretare Raffaello, Enrico Lo Verso interpreta Giovanni Santi, e Angela Curri la Fornarina.

Raffaello Sanzio fu un enfant prodige, ed ebbe la possibilità di avere come maestro non uno qualunque, ma il Perugino che lo sosterrà nel momento in cui rimarrà orfano.

A 17 anni è già un maestro, e nella sua Urbino diventa famoso, tanto da essere richiesto anche altrove. Arriva a Firenze, ed è lì, che nascono le “Madonne raffaellesche“, una su tutte “La Madonna del Cardellino“. Poi arriva a Roma, dove studia da vicino l’arte degli antichi, ed ottiene commissioni dal Vaticano. Ed è proprio grazie ai suoi lavori lì, che la sua arte si trasformerà in leggenda…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi