Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno video

Raccolta differenziata, Galdi denuncia per danno erariale l’Amministrazione Servalli

Un danno presunto di 868mila euro per il ritardo nel passaggio di cantiere della raccolta differenziata dal Consorzio di Bacino SA/1 alla Metellia Servizi. Il Consigliere Marco Galdi denuncia il tutto alla Corte dei Conti.

Cava de’ Tirreni.  Di fronte ad un atteggiamento politicamente irresponsabile dell’Amministrazione Servalli sono stato costrettoa presentare questa mattina una specifica denuncia alla Corte dei Conti. L’annuncio è di Marco Galdi, tramite la propria pagina facebook. Se accertato dai Giudici contabili, il danno presunta dall’ex Sindaco è di oltre 850mila euro.

A poche settimane dal passaggio di competenze della raccolta differenziata dal Consorzio di Bacino SA/1 alla Metellia Servizi Srl, la data prevista è il 1° marzo 2017, il consigliere comunale Marco Galdi ha così deciso di denunciare alla Corte dei Conti l’attuale amministrazione guidata da Vincenzo Servalli per un danno erariale presunto di 868’814,77 euro. In tre pagine, l’ex Sindaco ricostruisce la vicenda del passaggio di gestione della raccolta differenziata dal Consorzio alla Società in house del Comune cavese. Un passaggio non ancora effettuato, nonostante “il Sindaco Vincenzo Servalli si fosse trovato nella condizione ottimale per porre fine al dispendioso servizio reso dal Consorzio di Bacino, allorchè – scrive Galdi nella denuncia – nell’agosto del 2016, il Consorzio è risultato privo di autorizzazioni per lo svolgimento del servizio”.

L’obbligo dell’uso dei Consorzi di Bacino è decaduto il 1 gennaio 2016. Secondo Galdi, Servalli non ha dato attuazione alla delibera di Consiglio Comunale del dicembre 2014.

Ricordiamo, prima di continuare a leggere la denuncia pubblicata sul profilo Fb del professore Marco Galdi, che fino al 31 dicembre 2015, tutti i Comuni della Regione Campania sono stati obbligati ad avvalersi, in via esclusiva, per il servizio di raccolta differenziata, dei Consorzi di Bacino. Dal 1 gennaio 2016, tale obbligo è decaduto e, scrive il Consigliere Galdi alla Corte dei Conti, “sarebbe stato rispondente ai principi di buon andamento della pubblica amminsitarzione operare con tempestività per il passaggio di cantiere relativo alla raccolta differenziata dal Consorzio alla Metellia dando così attuazione alla delibera del Consiglio Comunale n.88 del 1 dicembre 2014.

“Anzichè attribuire con immediatezza il servizio della Società in house del Comune, il Sindaco ha adottato sotto la propria responsabilità l’ordinanza 243 del 26.08.2016 emanata ai sensi dell’articolo 191 del D. Lgs. 03.04.2006 n.152”. In pratica l’Amministrazione consentiva al Consorzio di Bacino a continuare il servizio per un periodo di tre mesi. Un atto, quello del Sindaco, al quale avrebbe però dovuto seguire atti risolutivi mmediati, in verità così non fu.

Il Sindaco Servalli affida in deroga i compiti di raccolta differenziata al Consorzio

Solo dopo oltre due mesi infatti, era il 10 novembre 2016, il Sindaco ed il suo Assessore all’ambiente ufficialmente comunicavano a Metellia la volontà dell’affido dei compiti del Consorzio alla loro gestione. Metellia con solerzia rispose dando la propria disponibilità al passaggio, accollandosi i nuovi oneri derivanti dalla raccolta differenziata, ma non prima del 1 marzo 2017. Un periodo, seppur striminzito, ma utile a poter valutare e riorganizzare l’azienda a favore delle volontà del socio di maggioranza. Nel frattempo, scaduta la prima deroga del 26.08.2016, il Sindaco fu costretto ad emanare una nuova ordinanza (n.73 del 23.11.2016) che prorogava gli effetti dell’atto sindacale 243.

Galdi, perchè si è dovuto aspettare oltre un anno per il passaggio di consegne ?

Insomma, ritardi che hanno portato al danno e che, secondo la ricostruzione di Marco Galdi, possono essere stimati in oltre 850mila euro. Di qui la domanda che l’ex Sindaco pone all’attenzione dei Giudici contabili: “Perchè il Sindaco diligentemente, consapevole dei significativi risparmi che ne sarebbero derivati dall’Ente, non ha dato disposizioni per l’attuazione della delibera di Consiglio Comunale 88/2014 già nell’autunno 2015, in vista del venire meno dell’obbligatorietà di rivolgersi ai Consorzi di Bacino apartire dal 1° gennaio 2016 … ?”.

Scopri l'Autore

Antonio Ioele

Antonio Ioele

10 anni, tra Italia ed estero, tra radio, tv, carta stampata e web. Da febbraio 2017 sono il delegato dello “Studio Associato laRed” (P.IVA 05569100653), proprietario della testata giornalistica laRedazione.eu.

Il portale www.laredazione.eu è fisicamente alloggiato presso i server di Aruba S.p.A.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi