Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa è un’altra battaglia guidata da Vladimir Putin

Mentre è coinvolto in una guerra in Ucraina che vacilla e subisce le pressioni della comunità internazionale, Vladimir Putin deve affrontare un altro problema nel suo Paese: il problema della natalità.

Come riportato da France Inter, mentre la popolazione della Russia era di 147 milioni alla caduta dell’Unione Sovietica nel 1989, la popolazione del Paese era “solo” 145,5 milioni nel 2021. Va detto che l’epidemia di coronavirus, che ha portato a un picco tasso di mortalità, portato negli ultimi due anni non ha aiutato a cambiare i numeri. “Il calo naturale della popolazione russa ha superato il milione nel 2021, e nemmeno l’arrivo di 350mila immigrati ha compensato. La popolazione è diminuita di 692.000 persone”, ha annunciato di recente Sergei Ryazantsev, economista e membro dell’Accademia delle scienze russa, citando France Inter.

Ma un grosso problema in Russia resta il tasso di natalità, con dati recenti poco rassicuranti. Secondo le statistiche dell’agenzia statale Rosstat, nel primo trimestre del 2022 il numero delle nascite (320.400) è diminuito del 5% rispetto all’anno precedente. Lo ha sottolineato il demografo Alexei Raksha, riportato anche dai media francesi“Guardando i numeri di aprile delle regioni che pubblicano le statistiche mensili, vediamo un calo del 12% del numero delle nascite rispetto ad aprile 2021, quando le nascite erano già in calo del 4%.“.

Come si spiega questa diminuzione della natalità?

Il basso tasso di natalità non è nuovo in Russia. Vladimir Putin ha anche combattuto la sua battaglia con il lancio del “Progetto Demografico Nazionale” nel 2018, che mira a fornire sussidi e benefici alle famiglie con due o tre figli. Se ha dato risultati positivi nella sua infanzia, il piano ha subito vacillato.

READ  Nel G7, forti avvertimenti a Iran e Russia

Per Alexei Raksha, il motivo di questo calo delle nascite non è di poco conto. “Ha notato chiaramente che durante la crisi economica del 2014-2015 (dopo le prime sanzioni dopo l’annessione della Crimea), quando il reddito reale dei russi è diminuito del 10%, anche le percentuali di secondo e terzo figlio sono diminuite del 10%.così dichiara il gruppo demografico che lo aggiunge La fiducia nel futuro è una componente essenziale della dinamica del tasso di natalità“.

A questo proposito, non c’è dubbio che la guerra in Ucraina e le sanzioni economiche che colpiscono la Russia non contribuiranno a migliorare il tenore di vita dei cittadini russi. Per Alexei Raksha, “Ci sarà una pessima combinazione di fattori il prossimo anno. I programmi di incentivazione alla nascita stanno per finire. La guerra iniziata a febbraio colpirà i nati da dicembre. La crisi economica avrà effetti anche all’inizio del 2023. Penso che sarà un anno molto brutto per i baby boomer in Russia, e il prossimo non sarà migliore“.