Attualità Europa e Mondo Salerno video

Quarta call per il programma “Europa Creativa”. E’ il momento di mettersi in gioco.

Un budget di 35,5 milioni di euro a favore dei progetti di cooperazione europea realizzati da operatori culturali e creativi: a metterlo a disposizione è la Commissione europea che ha lanciato il bando Eacea 45/2016 nell’ambito del sottoprogramma Culturadi Europa Creativa.

Il programma Europa Creativa ha l’obiettivo di promuovere la diversità culturale in Europa sostenendo artisti, professionisti della cultura e organizzazioni culturali negli ambiti: arti dello spettacolo, belle arti, editoria, cinema, televisione, musica, arti interdisciplinari, patrimonio culturale e industria dei videogiochi. Il programma è dotato di un budget 1,4 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, ripartite tra: il sottoprogramma Cultura (31 per cento), il sottoprogramma Media (56 per cento), la sezione trans-settoriale (13 per cento).

Chi può partecipare

La partecipazione al bando per progetti europei di cooperazione è aperta agli operatori culturali e creativi che siano stabiliti in uno dei Paesi partecipanti al sottoprogramma Cultura, cioè Stati membri dell’Unione Europea e Paesi e territori d’oltremare ammessi a partecipare al programma ai sensi dell’articolo 58 della decisione 2001/822/CE del Consiglio; Paesi aderenti e Paesi candidati effettivi e potenziali che beneficiano di una strategia di preadesione, conformemente ai principi generali e alle condizioni generali per la partecipazione di tali Paesi ai programmi dell’Unione istituiti a norma dei rispettivi accordi quadro, di decisioni dei consigli di associazione o di accordi analoghi; Paesi Efta membri dell’accordo See, a norma delle disposizioni dell’accordo See; Confederazione svizzera, in forza di un accordo bilaterale da concludere con tale Paese; Paesi interessati dalla politica europea di vicinato, secondo le procedure definite in base agli accordi quadro che ne prevedono la partecipazione ai programmi dell’Ue.

Progetti ammissibili

Sono ammissibili due diverse categorie di progetti.

  1. La prima categoria include i progetti di cooperazione di entità minore che comportano la presenza di un capofila del progetto e almeno altri due partner che hanno sede legale in almeno tre diversi Paesi partecipanti al sottoprogramma Cultura. In questo primo caso finanziamento Ue richiesto non deve essere superiore a 200mila euro, corrispondente al massimo al 60 per cento del bilancio ammissibile.
  2. La categoria 2 contempla i progetti di cooperazione di entità maggiore: che comportano la presenza di un capofila del progetto e almeno altri cinque partner che hanno sede legale in almeno sei diversi Paesi partecipanti al sottoprogramma Cultura. Il contributo Ue richiesto non deve essere superiore a 2milioni di euro, pari al massimo al 50 per cento del bilancio ammissibile.

Scadenza

Le domande per partecipare al bando devono essere presentate entro le 12 (ora di Bruxelles) del 23 novembre 2016.

Link per scoprire i dettagli del bando sul sito della Commissione EU.

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi