Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quanto tempo rimaniamo sballati dopo aver usato la cannabis?

La legalizzazione della cannabis è al centro di molte discussioni, accompagnata da una serie di domande e preoccupazioni alla luce del suo potenziale uso medico e ricreativo. I ricercatori chiedono: quanto durano effettivamente gli effetti di questa sostanza? Citato in ScienceAlertuna meta-analisi (una raccolta di diversi studi scientifici sullo stesso argomento) rivela che un consumatore può rimanere sotto la sua influenza da tre a dieci ore.

Mentre la relazione tra consumo di alcol e intossicazione è stata messa in discussione molte volte negli ultimi decenni, la vulnerabilità dopo l’uso di cannabis non ha mai avuto diritto alla ricerca scientifica. La tendenza era prima del 2021.

In questo studio, Danielle McCartney, nutrizionista dell’Università di Sydney (USYD), e il suo team fanno riferimento a ottanta analisi separate che esaminano gli effetti dannosi del principale ingrediente psicoattivo della cannabis: il tetraidrocannabinolo, altrimenti noto come “THC”.

Al fine di scoprire la compromissione della funzione cognitiva negli individui sotto la cannabis e la sua durata, i ricercatori hanno esaminato 1.534 persone che hanno sostenuto un esame di guida. I risultati hanno mostrato che la carenza può durare fino a dieci ore se vengono assunte per via orale alte dosi di THC. Tuttavia, la durata abituale è di quattro ore a dosi più basse mentre si fuma”. Lo riferisce Daniel McCartney.

Sebbene la maggior parte delle capacità di guida di solito torni alla normalità entro cinque ore dall’inalazione della cannabis, questo lasso di tempo varia in base a diversi fattori: il contenuto di THC, il modo in cui viene assunta la droga e la regolarità della presa.

READ  Florent Bagni malato di cancro: le ultime notizie sul suo stato di salute!

Quest’ultima caratteristica è di particolare interesse per gli scienziati. “La vulnerabilità è più pronunciata negli utenti occasionali che negli utenti regolari. I clienti abituali mostrano un’elevata tolleranza agli effetti, anche se non sfuggono a qualche cambiamento. Thomas Arkell, farmacista comportamentale dell’USYD.

Stabilire una legislazione equa

Rimangono diverse domande. Sapendo che gli effetti non durano a lungo da una persona all’altra, come possiamo prevedere quanto la cannabis comprometta le capacità di ciascun consumatore? Come stabiliamo una legislazione equa?

“La nostra giurisdizione deve recuperare e concentrarsi sull’intervallo di tempo in cui gli utenti rappresentano il rischio maggiore per se stessi e per gli altri, suggerisce Iain McGregor, psicofarmacologo USYD. I procedimenti giudiziari basati esclusivamente sulla presenza di THC nel sangue o nella saliva sono considerati ingiusti in quanto possono essere rilevati nel corpo settimane dopo il consumo. Tuttavia, sappiamo che la carenza dura per un periodo molto più breve.

Saranno necessarie ulteriori ricerche per caratterizzare al meglio gli effetti del THC. Pertanto, queste informazioni aiuteranno a mettere a punto i consigli dati ai pazienti, a sensibilizzare gli utenti dell’intrattenimento sulle conseguenze della cannabis, ma soprattutto a guidare la legislazione.