Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quanto è costato lo scandalo Kinder Ferrero?

che esso “Il più grande richiamo di prodotti degli ultimi vent’anni”Il direttore generale della francese Ferrero, parlando per la prima volta dall’inizio dello scandalo sanitario che sta costando caro al produttore di Kinder sia finanziariamente che in termini di reputazione, lo ammette giovedì in un’intervista al quotidiano Le Parisien.

Dall’inizio di aprile sono state ritirate dal mercato francese oltre 3.000 tonnellate di prodotti Kinder, dove sono stati rilevati 81 casi di salmonellosi, principalmente nei bambini di età inferiore ai dieci anni. L’impatto finanziario del gruppo è significativo. lui è “Sarà dell’ordine di diverse decine di milioni di euro”.Annuncia Nikola Nikov, Direttore Generale. Solo nel periodo pasquale, momento clou per il produttore italiano, il marchio ha perso il 40% del fatturato abituale.

Il marchio, amato dai bambini, ci crede “Il 60% dei consumatori non ha più fiducia”Nikov, che ha lanciato una campagna per la ricolonizzazione, dice di voler giocare la carta della trasparenza. Secondo la nostra indaginel’inquinamento verrà “Da un filtro trovato in una ciotola di burro da latte” Dalla fabbrica di Arlon in Belgio e stavo andando lì “o da materie prime contaminate o da persone”secondo lui.

infezione primaria

Lo stabilimento di Arlon, nella regione delle Ardenne belghe, da cui provengono i prodotti Kinder in questione, è stato chiuso all’inizio di aprile. Tutti i prodotti realizzati su questo sito (Kinder Surprise, Kinder Mini Eggs, Kinder Surprise Maxi 100g, Kinder Schoko-Bons) sono stati richiamati. Il gruppo che è stato criticato per non aver chiuso questa fabbrica il 15 dicembre, data in cui è stata scoperta la salmonella, si difende oggi. “Il 15 dicembre (…) abbiamo interrotto tutte le linee di produzione, chiuso lo stabilimento e buttato via ciò che veniva prodotto”lui spiega.

READ  Un segnale "verde" per il nucleare e il gas in Europa? “Una soluzione geopolitica che soddisfi tutti”, secondo Jerome Messin

“Tutti i nostri test dei giorni successivi sono negativi, il che ci permette poi di riaprire la fabbrica‘, lui spiega. “All’epoca eravamo assolutamente certi che nessun prodotto contaminato fosse stato immesso sul mercato. Cosa è successo dopo? Dirà l’inchiesta”afferma Nicolas Nikov, mentre la giustizia belga ha aperto un’indagine giudiziaria ad aprile.

Lo spiega l’amministratore delegato “Non è stato fino al 2 aprile che le autorità inglesi hanno stabilito una corrispondenza statistica con il consumo di Kinder’s Surprise”Ciò ha spinto il gruppo a richiamare i suoi prodotti in Gran Bretagna e poi in Francia il giorno successivo.

ripresa della produzione

Il gruppo ha ricevuto più di 150.000 richieste di risarcimento e il 90% di queste richieste lo è stato “Soddisfatto” Lo dice il direttore generale, sotto forma di buoni sconto su qualsiasi prodotto alimentare o buoni acquisto Kinder, che rappresentano un costo inferiore ai due milioni di euro per il gruppo.

Il gruppo ora vuole riprendere la produzione il prima possibile e ha chiesto la riapertura del suo stabilimento belga dal 13 giugno. Rendendosi conto delle carenze, il gruppo ha annunciato che il 50% dei controlli sanitari sarà ora effettuato da un laboratorio esterno accreditato mentre “Per adesso” Tutto si basa su un sistema di automonitoraggio interno.

Ferrero ha anche presentato il 4 maggio alle autorità sanitarie belghe un piano secondo cui 1.000 dipendenti dello stabilimento lavoreranno sette giorni su sette quando riaprirà. “10.000 parti verranno smontate e pulite una per una.”specialmente.

Sul fronte giudiziario, l’associazione di difesa dei consumatori Foodwatch France ha annunciato il 19 maggio di aver presentato una denuncia a Parigi dopo che il cioccolato Kinder era stato contaminato. Nel frattempo, è stata intentata un’altra causa contro Nestlé e il gruppo di pizza Mattress Up contaminato da batteri Escherichia coli.

READ  Intermarché rachète Mestdagh: ce qui va changer pour le consommateur