Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando gli utenti del mare misurano l’esposizione agli inquinanti chimici

Da luglio, quattro associazioni di surfisti, nuotatori e subacquei delle coste atlantiche e mediterranee stanno testando il set campione di inquinanti chimici sviluppato nell’ambito del progetto CURL. Supportato da Ifremer, Surfrider Foundation Europe, CNRS e Purdue University, questo originale progetto scientifico partecipativo mira a consentire a coloro che sono coinvolti in attività marine di sapere se sono esposti a sostanze chimiche in mare e in che misura ciò può influire sulla loro salute. È il primo.

Idrocarburi, droghe, fertilizzanti… Surfisti, kitesurf, nuotatori, subacquei e altri praticanti sono esposti a sostanze chimiche inquinanti senza conoscere il loro effetto sui loro corpi. Per scoprire se l’inquinamento chimico nel Mare Nostrum e nell’Oceano Atlantico sta avendo un impatto sulla salute, Surfrider Europe ha lanciato il progetto pilota CURL.

L’obiettivo di questo processo è valutare il livello di esposizione dell’utente alle sostanze chimiche presenti nelle acque ricreative costiere.

Leggi anche:
The Coast: In Aude, una boa high-tech per testare la futura biocolonizzazione dei parchi eolici

Quali sono gli effetti sulla salute?

Trascorrono ore in mare ogni mese, anche ogni settimana per i più attenti. Rendendosi conto che il mare è una nave per molti inquinamento umano, sempre più di loro si interrogano sulla loro possibile esposizione a inquinanti chimici. Le loro pratiche hanno qualche effetto sulla loro salute? Non ci sono dati scientifici che ci permettano di sapere che oggi solo le Agenzie sanitarie regionali (ARS) valutano la qualità delle acque di balneazione in relazione alla sua contaminazione microbiologica (batteri).

Nella primavera del 2021, la Surfrider Foundation Europe ha contattato Avremer per porre queste domande e questo problema. Poi Feride Aksha, tossicologo ambientale presso il Centro Ifremer Atlantique di Nantes, ha dato loro un’idea: “Perché i praticanti non sono dotati di campionamento passivo utilizzato per monitorare l’inquinamento chimico in mare?”.

“È più o meno lo stesso approccio ai dosimetri utilizzato per valutare il livello di esposizione dei dipendenti a radiazioni ionizzanti o solventi. Il kit di campionamento che abbiamo sviluppato consente di misurare il livello di esposizione agli inquinanti chimici durante le attività ricreative. Attività in mare, Farida Okasha confronta identificando i materiali in questione qui: metalli, pesticidi, filtri UV, nonché residui di medicinali e prodotti per l’igiene.

READ  Ecco le ultime notizie sulla salute di Françoise Hardy

Leggi anche:
Natura, inquinamento e pericoli: in terra e in mare, guarda e agisci!

campioni di vitello

Per sviluppare questo kit, gli scienziati hanno trasformato il cosiddetto campionamento passivo (che cattura alcuni dei composti chimici target presenti nell’acqua di mare) dal suo metodo di utilizzo classico, con due sfide principali da affrontare: la creazione di attrezzature adeguate. Interferisce con la pratica sportiva e per garantire che i dati ottenuti siano affidabili. Il primo passo è stato quello di sviluppare l’attrezzatura per posizionare i campioni sull’atleta volontario. Per fare ciò, i team del progetto hanno ricevuto assistenza dal centro di ricerca e sviluppo Decathlon, che ha sviluppato ghette che il volontario si mette in fretta.

Gli scienziati hanno trasformato il cosiddetto campionamento passivo (che cattura alcuni dei composti chimici mirati presenti nell’acqua di mare) dal loro metodo di utilizzo tradizionale.
DR – Surfider Europe

Per l’accumulo di contaminanti chimici sufficienti presenti nell’acqua traccia, i campionatori devono essere immersi per 30-100 ore a intermittenza. Pertanto, diversi professionisti condividono lo stesso set di campionamento, assicurandosi di conservarli in frigorifero tra ogni utilizzo.

verso l’espansione

I primi dati dovrebbero essere raccolti in primavera per verificare l’attendibilità del gruppo (distribuito a una decina di utenti nell’Atlantico e nel Mediterraneo) e concept. Nel processo, la domanda sarà, se l’efficacia sarà dimostrata, il dispositivo verrà ampliato per includere un numero maggiore di atleti. Anche a livello internazionale. Con queste concentrazioni, i modelli consentiranno di stimare le dosi di questi inquinanti che entrano nell’organismo e quindi valutare i rischi per la salute.

Un vero progetto collaborativo

Si tratta quindi di un vero e proprio progetto collaborativo, completamente nuovo, di cui attendiamo con impazienza le prime conclusioni. “Vale la pena notare che le preoccupazioni per la salute umana e per l’ambiente sono limitate, come dimostra l’emergere del concetto di One Health, che riconosce in termini di salute l’esistenza di un’interdipendenza tra esseri umani, animali, piante e il loro ambiente comune (One Health Initiative ). Gli oceani e il mare sono le navi delle acque continentali e il loro inquinamento, e i loro utenti sono esposti a inquinanti chimici. Il minuto che può cambiare la loro salute. “Dicono i membri di Surfrider Europe senza assumere risultati preliminari.

Come tutti sanno, il mare non si inquina da solo. Il Gofle du Lion è una ciotola, ad esempio, di fast food del delta del Rodano. Da tempo gli attori marini e marini chiedono ai comuni dell’entroterra dove l’inquinamento arriva a una maggiore mobilitazione. Forse i risultati di CURL servono da motivatore, con una base scientifica indiscutibile.