Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali sono i rischi per la salute?

Con l’arrivo delle giornate di sole, torna la voglia di abbandonare giacche e indumenti protettivi. Un desiderio accompagnato – sotto pressione sociale – dall’idea di mostrare il corpo, se non perfetto, almeno compatibile con lo standard che viene presentato in tutte le riviste e dove regna il filo.

Lo scopo qui non è di tornare su questa osservazione e sulle sue ragioni e cause Danno fisiologico o psicologico supportato da un gran numero di pubblicazioni Per diversi decenni, ma da determinare Rischi per la salute della dietacausato da uno stress fisiologico significativo – seguito o accompagnato da stress psicologico … e alla fine (ri)aumento di peso nella quasi totalità dei casi.

La rappresentazione soggettiva dell’immagine corporea, infatti, spesso controlla la scelta della dieta e il gruppo oggettivo non è necessariamente coerente con il mantenimento della salute: secondo un’indagine nazionale Il 45% delle donne non è in sovrappeso compreso il 15% che è magro (BMI come indicato da avis da ANSES (2011) sulla base dello studio INCA.

Come funziona la dieta?

Le strategie dimagranti, attraverso la restrizione alimentare, consistono in uno squilibrio energetico per il rilascio di acidi grassi dal tessuto adiposo. Tuttavia, le cose raramente vanno come previsto.

La prima illusione è la perdita di peso iniziale osservata… che è correlata solo all’uso di glicogeno epatico e muscolare, nel qual caso le nostre riserve di energia sono disponibili abbastanza rapidamente sotto forma di carboidrati, e il relativo smaltimento dell’acqua (9 g per 1 g di glicogeno).

Quindi si verifica l’effetto desiderato: le riserve di grasso vengono mobilitate. Ma ciò che non è generalmente noto è che i nostri corpi escogitano strategie per combattere la perdita di peso.

READ  Cosa accadrebbe se una cometa si scontrasse con la Terra entro sei mesi?

Con riserve energetiche meno prontamente disponibili (quelle che abbiamo perso per prime), il nostro corpo entrerà in “modalità economica” (con un metabolismo ridotto a riposo): portando a stanchezza e sensazione di freddo – diminuita “termogenesi” (produzione di calore) – che prenderà piede se la restrizione continua.

Mantieni la massa muscolare

L’altra (cattiva) sorpresa è l’atrofia muscolare. Anche se la dieta è qualitativamente equilibrata, la perdita di massa grassa (75%) è accompagnata da una perdita di massa muscolare (25%)..

Tuttavia, la massa muscolare gioca un ruolo importante nel dispendio energetico a riposo, contribuendo fortemente alla termogenesi e quindi al dispendio energetico a riposo. Se ci sono meno muscoli, il consumo di energia a riposo sarà effettivamente ridotto…

Per mantenere la perdita di peso a lungo termine, sarà necessario ridurre ulteriormente l’assunzione di cibo o aumentare il dispendio energetico. È qui che l’attività fisica (PA) gioca un ruolo chiave, al di là del suo effetto sull’assunzione di energia durante l’esercizio.

Attività fisica che supera le calorie

Oltre al numero di calorie consumate, gli effetti fisiologici dell’attività fisica sono all’origine del circolo virtuoso: essa conserverà in gran parte la massa muscolare all’origine dell’utilizzo dei substrati energetici. In effetti, più sei fisicamente attivo, più calore viene dissipato, anche a riposo.

La sua pratica si occupa anche della regolazione della glicemia (livello di zucchero nel sangue), del metabolismo ormonale ed energetico.

E se l’ipotesi del suo effetto anoressico (soppressore dell’appetito) è attualmente allo studio, il suo ruolo di regolatore dell’assunzione di cibo inizia a essere ben documentato: agendo come regolatore dell’umore e della risposta allo stress, giocherà sul mangiare. Il comportamento è influenzato in parte da questi due fattori.

READ  Ecco le ultime notizie sulla salute di Françoise Hardy
L’esercizio, aumentando il dispendio energetico e quindi l’equilibrio calorico, preservando la massa muscolare, aiuta con il controllo del peso a lungo termine.

Jacek Chappraszewski/Shutterstock

Valutare i rischi per la salute delle diete dimagranti

Nel 2011, per la prima volta nella storia della valutazione del rischio sanitario in questo campo, 15 diete studiate da ANSES. Tutti hanno avuto conseguenze comuni: restrizione energetica attraverso il controllo dell’assunzione di cibo, l’eliminazione di almeno una categoria di cibo porta alla carenza di alcuni minerali, vitamine, fibre o eccesso di proteine ​​e sodio, conseguenze psicologiche, comportamentali, biologiche e fisiopatologiche, massa muscolare , equilibrio ormonale, stato Funzionalità ossea, renale ed epatica.

Tutte le diete restrittive, in termini di finalità, portano effettivamente a squilibri nutrizionali.

A questo si aggiunge un paradosso: il sorprendente effetto a breve termine di queste diete a volte maschera importanti rischi per la salute e un recupero del peso quasi uniforme – nell’80% dei casi dopo un anno di dieta e nel 95% dei casi entro cinque anni. Questa osservazione lo rende un problema di salute pubblica ancora rilevante nel 2022.

Sicuramente è per Poiché la dieta per dimagrire è una misura temporanea, questo effetto è chiaramente visibile. Diventa un arco anche se può essere la via di accesso a comportamenti alimentari che rischiano di mantenere un ritorno all’equilibrio nutrizionale, o addirittura mirano a migliorare i parametri metabolici, cardiovascolari e psicologici.

Tuttavia, la limitazione genera stress psicologici e fisiologici che pochi possono affrontare a lungo termine. In questo contesto prendono il loro posto l’attività fisica e un approccio dietetico logico: per il mantenimento a lungo termine della salute e la prevenzione del persistente aumento di peso.

Capire l’origine soprattutto per accompagnare

L’aumento di peso, quando reale, può trovare origine tra errori alimentari, stile di vita, stress, mancanza di attività fisica, età, disturbi metabolici e/o ormonali, ecc. Una volta che gli operatori oi fattori di manutenzione non vengono identificati, inizia la battaglia contro l’aumento di peso.

Pertanto, la diagnosi e il follow-up individuale da parte di un operatore sanitario – un dietista e un dietista – sono essenziali per comprendere l’origine e quindi controllare le conseguenze sulla salute degli squilibri nutrizionali.

Una dieta restrittiva, infatti, non può essere adattata a migliaia di persone. Se l’iniziativa è individuale, anche il supporto deve essere individuale. Les pratiques alimentaires, l’adéquation avec le mode de vie et l’histoire personalle, sont des points cruciaux de l’accompagnement de la demande de perte de poids qui, pour être réellement satisfaite, doit avoir pour première mentale la etant at the long termine.

Normalmente, di fronte al calo delle riserve di energia, il cervello risponde emettendo segnali di fame. Quindi, la restrizione e il controllo dell’assunzione di cibo contrastano i bisogni fisiologici: il controllo permanente si concluderà con l’interruzione permanente dell’emissione e dell’interpretazione dei segnali di fame, sazietà e sazietà che regolano il comportamento alimentare.

L’armonia tra i bisogni nutrizionali e l’assunzione di cibo è interrotta in modo permanente e in alcuni casi permanentemente. Questa rottura è l’origine dei disturbi alimentari e l’origine di Aumento di peso dopo la dieta deja documentato da diversi decenni.

Se si seguono diete restrittive senza determinare le cause dell’aumento di peso, la perdita di chilogrammi sarà seguita dal recupero. Tuttavia, con il ridotto metabolismo energetico causato dalla restrizione, mangiare troppo porterà ad un aumento di peso oltre il peso iniziale… che a sua volta porta a diete più frequenti.

Questo fenomeno è l’origine dell’effetto “Yoyo” con il picco che aumenta dopo ogni episodio. Queste diete restrittive vendute per dimagrire sono la ragione principale… per aumentare di peso. Per evitare che si depositi, a Una buona offerta è l’attività fisica che agirà da regolatore sotto molti aspetti attraverso il ben documentato ruolo fisiologico e psicologico che può svolgere.

Nota: le indagini INCA (Individual National Food Consumption) sono studi nazionali condotti da ANSES ogni 7 anni. Consiste nel raccogliere il consumo alimentare di un campione della popolazione francese in un periodo di 7 giorni. e terzo posto 2014-2015).