Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Qatar: l’italiana Eni si unisce a TotalEnergies per creare la più grande industria

Gas nel mondo

Doha (awp/afp) – Il Qatar ha annunciato domenica di aver scelto l’azienda energetica italiana Eni come secondo partner estero dopo la francese Total Energy per la costruzione del giacimento di gas naturale più grande del mondo, pochi giorni dopo che la Russia ha tagliato le forniture all’Italia.

“Sono lieto di annunciare oggi (…) che Eni è stata selezionata come partner in questo progetto strategico unico”, ha affermato Saad Sheridan al-Kafi, Ministro dell’Energia del Qatar e CEO di Qatar Energy (QE). , Durante una conferenza stampa a Doha.

Nell’ambito di una joint venture con Qatar Hydrocarbon, Eni acquisisce solo il 3% del Northfield East Project (NFE), che mira ad aumentare del 60% la produzione di gas naturale liquefatto (GNL) nel Golfo. Paesi entro il 2027.

La partecipazione di TotalEnergies in QE, che ha annunciato un contratto con QE fino al 2054 il 12 giugno, raggiungerà il 6,25%, secondo il suo CEO Patrick Pouyanné. Il più importante accordo stipulato dalla compagnia francese con il Qatar aiuterà a compensare il ritiro dalla Russia a seguito della guerra in Ucraina.

Altre firme saranno annunciate nei prossimi giorni a seguito delle discussioni avviate nel 2019.

La quota di società estere dovrebbe essere del 25%. Caffè rifiutato.

“Condivisione dei rischi di marketing”

“Abbiamo molto da imparare dalla tua leadership, dai tuoi standard e dalla capacità di adattarci alle situazioni più difficili”, ha detto domenica l’amministratore delegato di Eni al suo contatore in Qatar.

Il giorno dopo che il premier Mario Tragi ha accusato la Russia di “mentire” sui tagli alle forniture, venerdì Eni ha annunciato che Gazprom fornirà solo il 50% del gas richiesto dalla compagnia energetica italiana.

READ  I mercati temono un ritorno al rischio italiano

Fonti del dipartimento hanno detto all’AFP che gli americani Exxon Mobil e ConocoPhillips e la British Shell sono in lizza per oltre 28 miliardi di dollari per partecipare al programma NFE.

I media menzionano anche colloqui con major cinesi.

Sebbene il costo del progetto possa essere sostenuto solo dal Qatar, Theory Brothers, esperto di energia e clima e professore di scienze a Parigi, stima che questi accordi consentano di “condividere i rischi di marketing”. “Potrebbe esserci anche una prospettiva geopolitica”, aggiunge.

Il progetto NFE, la cui produzione dovrebbe iniziare nel 2026, include l’espansione dell’offshore Northfield, il più grande giacimento di gas naturale del mondo, da condividere con Qatar Iran.

“Fonte di distribuzione economica”

Secondo QE, il 10% delle riserve mondiali di gas naturale conosciute si trovano nel North Field. Si estende sotto il mare fino al versante iraniano, dove i tentativi di sfruttare parte del giacimento della Repubblica islamica sono vanificati dalle sanzioni internazionali.

Il Qatar è uno dei principali produttori mondiali di GNL, insieme agli Stati Uniti e all’Australia, e “attualmente la fonte di approvvigionamento più economica, il che è interessante”, afferma Daniel Toleman, analista di Wood Mackenzie.

“Questi accordi dimostrano l’adempimento dell’impegno di lunga data delle organizzazioni internazionali in Qatar”, ha continuato.

Corea del Sud, Giappone e Cina sono i principali clienti, mentre l’Europa si oppone agli accordi a lungo termine che l’Emirato desiderava da tempo. Ma dopo la guerra in Ucraina, gli importatori di GNL si stanno affrettando a assicurarsi un’alternativa al gas russo.

“Abbiamo assistito a una crescita significativa da parte degli Stati Uniti (…) e ora vediamo il Qatar che si sta muovendo nella giusta direzione”, ha affermato. Dolman menziona.

READ  Covid: il tribunale italiano ordina lo studio dei vaccini a RNA messaggero

L’investimento finale nel progetto North Field South (NFS), un’altra fase di espansione, è previsto nei prossimi mesi.

Campana / febbraio