Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Putin ha distrutto tutto’: l’ex sindaco filorusso di Odessa sbatte Mosca

“I russi sono ora sulla nostra terra e stanno bombardando le nostre città e uccidendo la nostra gente ei nostri soldati”, ha detto Trukhanov in un’intervista con l’AFP. Per lui il punto di non ritorno era stato superato: non si parlava più di alcuna amicizia russo-ucraina. Critica i raid aerei, il blocco del Mar Nero ei milioni di tonnellate di grano bloccati nei porti, tra cui Odessa. “Putin ha distrutto tutto”, disse con rabbia.

Prima della guerra, il 57enne ha lucidato la sua carriera nel turbolento mondo della politica ucraina come membro del partito dell’ex presidente filo-russo Viktor Yanukovich, che è stato estromesso da una rivolta popolare filo-occidentale nel 2014. Con Con l’ascesa dell’opposizione alla Russia, Gennady Trukhanov ha continuato la sua avanzata quando è diventato sindaco di Odessa, dopo alcuni mesi di sanguinosi e tragici scontri tra filo-russi e sostenitori di Kiev in questa città.

Oggi, con migliaia di morti e milioni di sfollati a causa dell’invasione russa, il sindaco è allarmato dalla menzione del minaccioso vicino. A soli 200 chilometri da Odessa per le truppe provenienti da Mosca, Trukhanov preferisce concentrarsi sulla difesa della sua città, uno dei porti principali dell’Ucraina, essenziale per l’esportazione di cibo.

“Non stanno solo distruggendo le nostre città e uccidendo i nostri residenti, ma stanno anche causando un disastro economico”, ha detto.

Se Odessa avesse finora evitato un’offensiva di terra delle forze russe, la città avrebbe subito un bombardamento mortale. Fondata durante il regno della zarina Caterina la Grande, Odessa è un simbolo della gloria dell’impero russo con la sua architettura barocca e le iconiche “scale Potemkin”.

READ  Indagine della polizia su un atto di terrorismo

Dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, Odessa ha mantenuto stretti legami economici, culturali e familiari con la Russia, con la reputazione di essere una delle città più favorevoli a Mosca in Ucraina. Tuttavia, le opinioni dei residenti stanno cambiando con secoli di reciproca buona volontà ridotti in cenere dai bombardamenti russi.

“Con i loro missili pensano di diffondere il terrore tra la popolazione. In realtà, stanno promuovendo l’odio contro gli occupanti e gli invasori”, osserva Trukhanov.

Tra un incontro e l’altro, si fa strada nel traffico nella sua Range Rover nera fino al luogo di un recente attentato. Strinse le mani e annuì quando la gente del posto gli fece una serie di domande sulla ricostruzione e sull’assistenza.

La tempistica di un particolare bombardamento da parte dei russi lascia confusi i residenti. Il 9 maggio, durante la Grande Messa Nazionale in Russia per celebrare la vittoria sulla Germania nazista, Vladimir Putin ha deposto fiori in un monumento in onore delle “città dell’eroina” dell’Unione Sovietica, tra cui Odessa. Poche ore dopo, una raffica di missili russi cadde sulla città.

“Cosa puoi aspettarti da una persona che bombarda i bambini? Le persone muoiono ogni giorno qui”, condanna Alexandra Kaszenko, 29 anni. “È scioccante per molti di noi. Eravamo fratelli (popoli).”

Gennady Trukhanov condivide la confusione dei suoi elettori. Il consigliere comunale afferma che russi e ucraini sconfissero fianco a fianco la Germania nazista nell’Armata Rossa durante la seconda guerra mondiale. “Nessuno può immaginare che nel 2022 il nostro popolo, i rifugiati ucraini, si nasconderà in Germania dai missili russi”.