Ambiente Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA

“Puliamo il mondo 2020”, a Cava de’ Tirreni l’idea del Bosco Urbano Resiliente

venerdì

Palumbo: “A breve sarà definita la data dell’evento. Riproponiamo l’idea del bosco urbano”

Cava de’ Tirreni. Legambiente Cava conferma l’organizzazione della manifestazione “Puliamo il mondo” che, negli anni scorsi, ha visto i volontari dell’associazione protagonisti di diverse azioni di bonifica di alcune zono critiche del territorio cittadino.

Grazie a un contributo dell’amministrazione di 700 euro – che servirà per l’acquisto di materiale utile, attrezzi, pettorine, mascherine e cappelli da fornire agli studenti delle scuole che aderiranno all’iniziativa – il circolo locale dell’associazione ambientalista italiana, presieduto da Attilio Palumbo, ha già in mente l’azione da portare avanti non appena verrà definita la data dell’evento.

«L’idea – ha spiegato il presidente Attilio Palumbo – è quella di realizzare il Bosco Urbano Resiliente (con il contributo dei cittadini e aziende cavesi) vicino a dove ci provammo già tre anni fa, ma poi l’Asl Salerno si tirò indietro alla fine non concedendoci il terreno. Parliamo dell’area di via Gramsci”.

“Stavolta – spiega Palumbo – saremo nell’area adiacente, quella di proprietà del Comune, che l’ente ha appena ripulito dalle sterpaglie. Pulendo le sterpaglie sono usciti fuori parecchi rifiuti urbani e “Puliamo Il Mondo” potrà essere l’occasione per ripulire l’aria e mettere la prima pietra simbolica per il progetto di un Bosco Urbano Resiliente».

Il progetto prevede di utilizzare i terreni incolti e abbandonati di Via Gramsci per far sorgere un bosco urbano destinato ad accogliere centinaia di nuovi alberi, con sentieri per passeggiare e andare in bici.

L’iniziativa si inserisce nel lungo solco degli interventi promossi da Legambiente Cava per riqualificare alcune zone critiche del territorio cittadino.

Negli anni scorsi, infatti, interventi di pulizia sono stati portati a termine in località Croce, dove i volontari sono dovuti intervenire per ben due volte – anche di concerto con il comune confinante di Pellezzano – a causa dell’inciviltà di quanti continuano a sversare i rifiuti in una zona poco frequentata.

“Puliamo il mondo” si è tenuta anche in località la Serra e Santa Maria al Toro, alla base del Castello di Sant’Adiutore, per ripulire la zona da fazzoletti, bottiglie di plastica e rifiuti di vario genere lasciati dalle coppiette che si appostano in quel punto al calar della sera.

Tre anni fa, invece, Legambiente Cava era stata allo sguinzagliatoio di via Gramsci – l’area riservata allo scorrazzamento di animali domestici, principalmente cani – che, inaugurata, non era mai entrata in usa ed era diventata ricettacolo di rifiuti e erba alta.

Leggi anche: Puliamo il mondo 2019. “L’assalto al castello” di Legambiente Cava

Leggi anche: “Puliamo il mondo dai pregiudizi”: a Cava l’esempio positivo del centro accoglienza “San Felice”

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi