Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pro o contro il modello Free to Play per WoW? -Il mondo di Warcraft

World of Warcraft dovrebbe passare alla modalità F2P? Alcuni giocatori si sono posti questa domanda per molti anni. Se un buon numero di giocatori risponde è fuori questione, altri pensano che sia legittimo riprendere il tema di un MMORPG che presto festeggerà 18 anni.

Negli ultimi anni, Blizzard ha acquisito molta esperienza con i giochi gratuiti. Hearthstone, Heroes of the Storm, Diablo Immortal e, più recentemente, Overwatch 2 hanno avuto fortune alterne, ma mostra che lo studio non è rimasto insensibile al fascino di F2P.

I vantaggi di questo modello di business sono ben consolidati. La possibilità di giocare a un gioco senza pagarlo consente a più giocatori di vivere l’esperienza. Questo è più vero per i giovani, le cui borse sono spesso meno rifornite.

Al contrario, il gioco F2P può causare grande frustrazione tra gli utenti, l’errore di microtransazione che a volte è troppo presente o le meccaniche di gioco che bloccano i progressi e danno la sensazione di dover tirare fuori la carta di credito per sfruttarne appieno il titolo.

Per ora, non ci sono dubbi sul vedere World of Warcraft atterrare in Free to Play. Noi possiamo Gioca a WoW gratis Ma le possibilità a disposizione dei giocatori sono molto limitate. Blizzard è fedele al suo modello di abbonamento, il cui prezzo non è cambiato di un centesimo dal suo lancio nel 2004. È molto redditizio … ma è ancora sufficiente nel 2022?

Con l’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft, potrebbero emergere nuove idee per il futuro di World of Warcraft. Abbiamo già parlato di visibilità WoW su Xbox Game PassTuttavia, ci sono anche voci di piani per il porting dell’MMO su Xbox Series X/S.

READ  TikTok può leggere le tue password

Passare al F2P sarebbe un disastro per World of Warcraft e il gioco sarebbe molto frustrante. Sebbene sia difficile immaginare i cambiamenti che si verificheranno, è indubbio che l’argomento è regolarmente oggetto di riflessione all’interno degli organi di governo. Se questo non fosse all’ordine del giorno e WoW rimanesse un enorme guadagno finanziario per lo studio, è difficile credere che il gioco pagherebbe ancora l’ad vitam aeternam.

Possiamo anche immaginare un modello ibrido, come in alcuni MMORPG, con un abbonamento che dà accesso a tutto e una modalità F2P che permette ai nuovi giocatori di testare il gioco con determinate restrizioni. Una specie di edizione di scoperta estesa in un certo senso.

Cosa ne pensi?