Luglio 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Potrei fare molti lavori ben pagati, ma ho scelto di diventare un insegnante di matematica.”

Nel sito di formazione per futuri insegnanti a Batignolles, Parigi, decine di studenti di matematica si preparano per il Concorso per Testi Orali. Sono tra quei rari candidati per la professione di insegnante di matematica quest’anno. Quest’anno, ci sono 816 candidati qualificati mentre ci sono ancora 1.035 posti vacanti. A Parigi, che ha le più grandi accademie di Francia (Parigi, Creteil e Versailles), c’erano circa 1.200 partecipanti al concorso, stima uno studente.

Se Il deficit è particolarmente marcato nel 2022 Perché la riforma del MEEF sposta la concorrenza dal primo al secondo anno. Pertanto, gli unici candidati al concorso erano esterni e studenti MEEF che hanno superato nuovamente l’esame. Solo, questa argomentazione non è sufficiente a giustificare la scarsità di aspiranti a una carriera di frequente insegnamento della matematica.

professione odiosa

A differenza delle materie artistiche, dove l’insegnamento è uno degli sbocchi principali, la matematica offre molte opportunità in ingegneria. “Anche il settore lascia più opzioni”, dice Lorian, una studentessa di 24 anni al suo secondo anno di master al MEEF. Rispetto a queste altre professioni, lo stipendio dell’insegnante è uno stigma. In media, un insegnante all’inizio della sua carriera guadagna circa 1.500 euro. “Immagina, potrei fare molti lavori ben pagati, ma ho scelto di diventare un insegnante di matematica”sta scherzando.

Leggi anche: Carenza di candidati: un problema ‘transitorio’ o un calo dell’attrattiva della professione di insegnante?

Olivier, in riqualificazione professionale dopo 20 anni di lavoro, conferma questi freni di bilancio. “C’è sicuramente un arbitrato finanziario. Personalmente ho avuto un reddito davvero buono, quindi non devo pormi la domanda. “ Oltre allo stipendio, è il mancato riconoscimento che può respingere chi non ha la “professione” di essere insegnanti. “Investi troppo per un rendimento troppo basso, Vincent, un altro studente di matematica del programma MEEF, borbottò. Il raro ringraziamento degli studenti è il nostro unico premio… »

READ  Pensi di avere un alto potenziale, rispondi in meno di 3 minuti qui! Test per scoprire l'alto potenziale in modo facile e veloce!

Il contrasto tra allenamento e campo

Ottenere teste non è sufficiente per fare di un vincitore un insegnante. Questo è stato ben compreso dai pochi studenti che quest’anno hanno ripreso la competizione. Durante il secondo anno, oltre a preparare il concorso e la tesi, devono insegnare 6 ore settimanali all’università o al liceo. Sebbene abbiano avuto solo quattro settimane di formazione nel primo anno, sono stati in grado di affrontare le difficoltà di gestire la classe durante il secondo anno. “Domani se partiamo, siamo pronti”, Angelou, uno di loro, afferma con sicurezza. Purtroppo questo non è stato il caso di tutti coloro che hanno avuto modo di gareggiare nel primo anno. All’Inspe di Batignolles, sei vincitori del velo di matematica si sono arresi dopo sei mesi di allenamento. “Se avessero completato il tirocinio un anno prima dell’esame, non avrebbero mai sostenuto gli esami”Angelo è dispiaciuto.

Leggi anche: Insegnanti: Senza promozione, ‘il lavoro più bello del mondo’ continuerà ad essere evitato

In discussione per lui c’è una visione molto accademica della competizione per diventare insegnante. Il 25enne comprende la necessità di dimostrare una buona posizione accademica per diventare un insegnante di matematica, ma rifiuta la concorrenza che può e non sarà puramente disciplinare”. Non ha niente a che fare con il lavoro Faranno sport. Quindi quando lo riformuliamo Gli insegnanti di matematica sono in caloquesti studenti rispondono all’unisono che il livello di istruzione è migliorato in una certa misura. “Ci concentriamo maggiormente sui sussidi didattici perché un buon insegnante non è solo bravo a livello accademico giudice Oliver. I docenti precedenti considerano solo il livello disciplinare, da segnalare come un riequilibrio. »

D’altra parte, la formazione della professione di insegnante da parte dell’istituto è ancora criticata da molti studenti, tra cui Vincent. Critica la discrepanza tra i consigli degli allenatori e la realtà sul campo. “Senti che alcuni insegnanti dell’Inspe (l’Istituto Superiore Nazionale di Educazione e Insegnamento) non studiano da molto tempo”, colpisce lo studente di 23 anni. Prendiamo ad esempio il rito dei questionari che verranno chiesti alla classe all’inizio di ogni lezione. “Forse una volta nella sequenza, ma se lo fai in ogni lezione, perdi molto tempo … Le lezioni teoriche non danno risposte miracolose Aggiunge in conclusione. È meglio imparare sul lavoro. »

READ  L'éducation nationale ajoute 1 h 30 di matematica en 1re générale à la rentrée 2022

Riparare sulla strada giusta?

Spostando il concorso Capes dal primo anno al secondo anno del master, la riforma messa in atto da Jean-Michel Blanquer potrebbe dare ai futuri insegnanti più tempo per formarsi nella professione prima di sostenere l’esame. Studenti del secondo anno magistrale intervistati in precedenza Mariano, che gareggeranno anche quest’anno, stanno assistendo all’inizio di questa riforma globale. Vedono questo nuovo modello sotto una buona luce. Il formatore degli insegnanti SES presso l’Inspe Paris Philippe Waterrelot è più preciso. Indica che il posto assegnato alla formazione sarà necessariamente ridotto nel secondo anno. Quando gli studenti hanno sostenuto il concorso del primo anno – la maggioranza dei vincitori – il secondo anno è stato diviso in due parti: il 50% dei corsi è impartito e il 50% della formazione è presso l’Inspe. “D’ora in poi, con la preparazione del concorso e della tesi al secondo anno, un terzo dell’anno è lasciato per i tirocini”.

Leggi anche: Riforma CAPES: Stop alla distruzione della professione di insegnante

Gli studenti escono esausti da questa alternanza tra gara, formazione e tesi. ” Una settimana prima dell’inizio dell’anno scolastico abbiamo scoperto quali classi stavamo ereditando, dice Vincenzo. Questo lascia poco tempo per la preparazione del programma. »« Hanno un enorme carico di lavoro Philip Waterlot si preoccupa. Li spinge invece a stipare la concorrenza piuttosto che lavorare sui propri metodi di insegnamento. Resta da vedere quanti studenti usciranno dal crash test per questa riforma il prossimo anno.