Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Pone problemi alla scienza”: una scoperta difficile per il James Webb Telescope

“Pone problemi alla scienza”: una scoperta difficile per il James Webb Telescope

JAll’inizio ho pensato che avessimo commesso un errore. Gli astronomi sono rimasti sconcertati da quando il James Webb Space Telescope ha scoperto sei enormi galassie “non potrebbero esistere”. Questa scoperta è così inaspettata che potrebbe sconvolgere le attuali teorie sull’origine dell’universo.

La luce di queste galassie catturate può avere fino a 13 miliardi di anni, il che significa che le galassie esistevano già da 500 a 700 milioni di anni dopo il Big Bang. “Il nostro universo aveva solo il 3% della sua età attuale”, ha commentato Joel Lega della Penn State University.

“Ci aspettavamo di trovare solo costellazioni giovani e giovani, ma abbiamo scoperto oggetti grandi e pesanti come la nostra galassia, la Via Lattea, con stelle che pesano fino a 100 volte di più di quanto ci aspettassimo”.

Leggi anche vita extraterrestre? “Pensare che siamo soli in questo oceano cosmico è un’assurdità statistica.”

Queste galassie contraddicono quasi tutti i modelli attuali sull’universo primordiale. Per spiegare la loro esistenza, gli scienziati potrebbero aver bisogno di rivisitare alcune delle regole di base della cosmologia. “Sembra che abbiamo trovato cose così inaspettate da porre problemi alla scienza”, afferma Joel Lega.

I modelli attuali suggeriscono che l’universo, dopo un periodo di rapida espansione, ha dovuto attendere centinaia di milioni di anni prima che il gas si fondesse e si formassero le prime stelle e galassie. Volere.”

READ  Santi (una salute) | Comitato economico e sociale europeo

Tuttavia, sono ancora necessari studi più approfonditi. Quindi alcuni degli oggetti trovati potrebbero essere nascosti in buchi neri supermassicci.