Attualità Campania Cultura e Spettacolo Napoli Pompei

Pompei: #Unibo ritorna agli scavi per vincere due nuove sfide

Le antiche Mura Urbiche e la grande casa nobiliare di Obellio Firmo: sono le nuove “sfide archeologiche” che l’Università di Bologna (Unibo) , con i suoi studiosi e i suoi studenti, si prepara ad affrontare a Pompei grazie ad una rinnovata Convenzione di Ricerca che coinvolge la Sezione di Archeologia del Dipartimento di Storia Culture Civiltà, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali e la Soprintendenza Speciale ai Beni Archeologici di Pompei. In virtù del nuovo accordo, coordinato da Giuseppe Sassatelli, nel prossimo triennio l’Università di Bologna porterà avanti gli obiettivi del Piano della Conoscenza includendo un settore delle Mura dell’antica città rimasto escluso dal precedente progetto e proseguirà la sperimentazione di tecnologie innovative per la ricerca e la documentazione dell’archeologia in uno dei più bei contesti della Regio IX: la Casa di Obellio Firmo. Un accordo che comunque è aperto, e prevede che la presenza di Unibo a Pompei possa riguardare anche altri settori ed aree della città.  “L’ateneo ha siglato la convenzione per ampliare e rilanciare una collaborazione storica con Pompei iniziata nel 1999 – ha detto il rettore Francesco Ubertini – Rinnoviamo la nostra presenza anche come cantiere formativo per gli studenti”.  Unibo, insieme all’ Univerisità degli studi di Salerno (Unisa ), si sono aggiudicate la convenzione di ricerca, finanziata da fondi Europei.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi