Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pochi mesi dopo, lo shock di aprire la sua casella di posta è stato …

Come in Vallonia, nelle Fiandre ci sono sempre meno spazi verdi. Nel nord del Paese non si ride degli standard urbanistici. Trenta famiglie di Liegi l’hanno imparato a proprie spese negli ultimi mesi. Infatti, hanno appreso due anni fa che il perimetro delle loro case era stato costruito illegalmente.

“Il messaggio che abbiamo ricevuto dal comune è stato spaventoso. Non siamo stati noi a lucidare il cemento. Non ne abbiamo mai sentito parlare durante l’acquisto con il notaio”, ha spiegato uno dei residenti preoccupati.

Quindi erano necessari alcuni aggiustamenti. Pietre per lastricati, ghiaia e altri pezzi di asfalto hanno dovuto essere smantellati e alcuni vialetti livellati. Quindi tutti si sono recati lì per lavorare secondo le indicazioni del comune. Ora che quelli sono spariti, i residenti sono in linea con la legge? Nessuno osa dire: “Ognuno ha fatto del suo meglio”, dice un residente. “Le persone sono venute a controllare chiaramente, ma non so se sono contente”.

Una multa di 1.000 euro

La situazione è incredibile perché il comune è stato più o meno duro con i vari residenti della zona. E il caso di Tim Mullenberg è un po’ speciale. Ha dovuto rimuovere la ghiaia bianca e ha ottenuto dal sindaco il permesso di aggiungere la corteccia. “Ma a giugno ho ricevuto una lettera dal dipartimento dell’ambiente del comune in cui si diceva che dovevo pagare una multa di 1.000 euro”, ha spiegato al quotidiano Nieuwsblad, che riporta questa storia assolutamente folle. Non ha ancora pagato e ha sporto denuncia.

Poco dopo, un residente ha dovuto rifare la corsia della sua auto perché era ripida di qualche centimetro, mentre la corsia del suo vicino, che era simile, ha potuto rimanere com’era.

Per settembre era previsto un incontro tra i residenti e il comune, ma questo è stato rinviato.

READ  Dirigée par des Russes, l'AS Monaco retient aussi son souffle