Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Plutone sta per tornare sul pianeta del sistema solare secondo un nuovo rapporto

Uno studio americano riporta che la comunità scientifica ha commesso un errore rimuovendo Plutone dall’elenco dei pianeti del sistema solare nel 2006.

Plutone è ancora oggetto di dibattito nella comunità scientifica. Uno studio condotto da astronomi americani e recentemente pubblicato su Giornale scientifico Icaro Sostiene che Plutone non dovrebbe essere rimosso dall’elenco dei pianeti del sistema solare. Una decisione che risale al 2006, dopo il voto dell’Unione Astronomica Internazionale (UAI).

Oggi, Plutone è considerato un “pianeta nano”. Tuttavia, questa decisione è stata a lungo criticata da molti esperti americani, il che si spiega con il fatto che se la star fosse riabilitata, sarebbe l’unico scoperto dagli Stati Uniti. Nel 2018 era già stato pubblicato uno studio da alcuni degli autori di questo nuovo studio, con conclusioni simili.

definizione contestata

Il problema non è solo quello di pochi ricercatori americani. Jim Bridentsine, amministratore della NASA tra il 2018 e il 2021, si è spiegato nel 2019 che credeva ancora che Plutone fosse un pianeta. Ha giustificato questo dicendo: “È così che l’ho imparato”.

recensione della rivista Icaro Critica gli standard fissati dall’UAI. Pertanto, affinché un oggetto spaziale possa essere considerato un pianeta, deve essere sferico, ruotare attorno a una stella e “pulire la sua orbita”, il che significa che non è più circondato da altri oggetti più piccoli come le rocce.

Su quest’ultimo punto Plutone non era qualificato. In effetti, molti oggetti di dimensioni simili al pianeta nano si trovano nella stessa orbita. Se Plutone diventa di nuovo un pianeta, anche molte altre cose scoperte nel XX secolo potrebbero rivendicarlo.

READ  Assurance santé animaux: un choix à étudier

Cronologia delle revisioni

Secondo gli scienziati americani, la presenza di corpi celesti attorno al pianeta nano non dovrebbe essere uno standard. Le proprietà interne di un oggetto dovrebbero essere le uniche proprietà che vengono giudicate, non l’attività all’interno della sua orbita, secondo loro. Hanno anche sottolineato che gli astronomi usano il termine “pianeta” per alcuni oggetti distanti che non rientrano nella definizione accettata a livello internazionale, il che, a loro avviso, invita a un nuovo dibattito.

Secondo gli autori dello studio, l’UAI “dovrebbe smettere di definirlo non scientifico e smettere di insegnare una storia revisionista delle sue origini”.

Dopo più di 15 anni di votazioni, non è stato trovato alcun consenso sulla qualificazione di Plutone. Resta da vedere se la comunità scientifica in un futuro abbastanza prossimo annullerà la sua decisione di includere il pianeta nano, e perché no, altri oggetti, nell’elenco dei pianeti del sistema solare.