Campania Europa e Mondo

Pesca ed i predatori del mare. La commissione risponde a Caputo

Un mese fa, Nicola Caputo, europarlamentare PD, ci aveva notiziato di una sua interrogazione scritta alla Commissione europea. Qualche ora fa è arrivata la risposta

Bruxelles. “Sto con i pescatori di Montecorice e degli altri Comuni costieri del Cilento contro i cosiddetti “predatori del mare” che utilizzano tecniche e strumenti incompatibili con l’ecosistema marino”. Questo è quanto aveva dichiarato l’europarlamentare socialista Nicola Caputo nell’inviare un’interrogazione alla Commissione europea.

Qualche ora fa la risposta della Commissione.

“L’uso di attrezzi trainati è vietato entro una distanza di 3 miglia nautiche dalla costa. Inoltre, tali attrezzi sono vietati entro una distanza di 1,5 miglia nautiche dalla costa, indipendentemente dalla profondità. Questa serie di norme è destinata a riservare una parte della fascia costiera agli attrezzi selettivi utilizzati dai piccoli pescatori, al fine di proteggere le zone di crescita e gli habitat sensibili nonché favorire la sostenibilità sociale della piccola pesca”. Una risposta che non lascia dubbi: il mare del cilento va liberato dalle cosiddette imbarcazioni monobarca.

Veri e propri “predatori del mare” – spiega poi in una nota Caputo – che utilizzano tecniche e strumenti incompatibili con l’ecosistema marino e che arrecano danno al lavoro di tantissimi operatori del settore e pescatori locali.

Inoltre l’europarlamentare Nicola Caputo rende noto che, la Commissione europea ha varato una direttiva per migliorare le condizioni di lavoro dei pescatori in mare, disincentivare la pesca illegale e garantire la salute e la sostenibilità del settore della pesca.

La direttiva conferisce efficacia giuridica ad un accordo negoziato dalle parti sociali europee per l’attuazione della Convenzione sul lavoro nel settore della pesca dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). La direttiva – continua Caputo – è intesa a migliorare le condizioni di lavoro dei pescatori in mare, disincentivare la pesca illegale e garantire la salute e la sostenibilità del settore della pesca. Intanto – conclude l’europarlamentare Nicola Caputo –mi attiverò per sollecitare tutte le procedure possibili perché le regole europee siano fatte rispettare. Sarò, come sempre, al fianco dei pescatori di tutta la costa a tutela del mare e della economia locale affinché si metta fine a questa pratica lesiva dell’ecosistema e del lavoro di tantissimi operatori del settore”.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi