Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché non possiamo dire di no al fast food?

È difficile dire di no a un buon hamburger grasso. Anche se sappiamo che è dannoso per la nostra salute, non possiamo fare a meno di soccombere al suo richiamo. C’è da dire che mangiare un pasto abbondante in un buon hamburger ci dà una grande sensazione di felicità. È proprio qui che risiede uno dei maggiori pericoli del fast food: volentieri. Lo sappiamo, lo abbiamo cervello È stato programmato per amare tutte le cose dolci e grasse per massimizzare le nostre possibilità di sopravvivenza per migliaia di anni. Tuttavia, questo processo funziona come una dipendenza. Più cibi grassi consumiamo, più il nostro cervello li apprezza e più richiedono. L’inizio di un circolo vizioso dal quale è difficile uscire.

prodotti trasformati

Ora viviamo anche in una società che punta ancora molto sui prodotti Ultra-elaborato. Tuttavia, questi prodotti, spesso meno costosi, sono pieni di additivi che, se non per la nostra salute, sono per noi irrilevanti. dipendenza. Per rendersene conto, vi invitiamo a dare un’occhiata a quanti prodotti nel vostro frigorifero troviamo zucchero. “Tutto è pensato in modo che il cliente non possa controllare il proprio cervello. Quando addenta un hamburger, tutto è pensato in modo che tu non possa accettarne solo uno, dagli ingredienti alla consistenza e alla temperatura del panino”, dietista e la nutrizionista Veronique Storbois spiega a Saussure.

READ  COVID-19: un antimalarico che protegge le cellule polmonari

L’influenza dei social network

Un altro problema, le tentazioni associate al fast food sono tutte intorno a noi. Il social networks Ad esempio, influenza anche la nostra visione del fast food. Sul social network Instagram, quando le celebrità mostrano cibo, tendono a scegliere cibi e bevande considerati malsani, secondo uno studio statunitense. I ricercatori hanno scoperto che snack, dolci e bevande alcoliche sono gli alimenti più spesso rappresentati nei post sui social media da celebrità molto seguite. Più dell’87% di questi account aveva un punteggio basso, il che significa che contenevano cibi malsani. Inoltre, il 95% di questi post non è il risultato di post sponsorizzati. Questi risultati suggeriscono che le rappresentazioni influenti del consumo malsano di cibi e bevande sui social media sono a Problema socio-culturale Spiegano i ricercatori.

dannoso per la salute

Tuttavia, sappiamo da tempo che il fast food è pericoloso per la nostra salute, ma anche per quella dei giovani. Nel 2020 le Nazioni Unite hanno inserito i fast food tra le “minacce immediate” alla salute dei bambini nel mondo. Nel 2017 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato l’allarme perché il numero di bambini in sovrappeso nel mondo ha raggiunto i 124 milioni, numero che si è moltiplicato per dieci negli ultimi 40 anni. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, 1,9 miliardi di adulti nel mondo sono in sovrappeso, di cui 650 milioni sono obesi, fattore di rischio per diabete, malattie cardiovascolari e cancro.

Come esci?

Fortunatamente, diversi semplici suggerimenti possono aiutarti a uscire da questo circolo vizioso. Sai già che ci vogliono tre settimane senza cibo spazzatura perché il nostro cervello dimentichi che ne è dipendente. Il modo più semplice per farlo è sbarazzarsi di tutti quei cibi dal tuo armadio. Dì addio a patatine, caramelle e altre prelibatezze pronte. Se non ne hai a casa, ha senso che non saresti in grado di consumarli, anche se lo volessi.

READ  Ecco il vostro oroscopo di lunedì 13 giugno 2022: amore, soldi, lavoro, salute...

Nel 2021, uno studio spagnolo ha anche dimostrato che mangiare pasti con i propri cari ridurrebbe il rischio di obesità. Per questo, dimentica i cellulari e la TV durante i pasti. A tavola, discutiamo con la famiglia di un buon pasto preparato da noi stessi. Ciò consente ai bambini di comprendere meglio come sentirsi sazi e di sviluppare buone abitudini alimentari. Per preparare pasti così buoni, immagina i tuoi menu per la settimana in anticipo. Annota tutti gli ingredienti sulla tua lista della spesa e mantienili una volta in negozio.