Gennaio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché le decisioni di Michael Massey lasciano l’amaro in bocca

Molti fan non sono riusciti a nascondere la loro rabbia e frustrazione per la disastrosa gestione del Gran Premio di Abu Dhabi, poiché entrambi i titoli mondiali sono stati assegnati. Accuse di frode si sono diffuse sui social contro la FIA nell’allestimento di un tocco finale a Hollywood. Certo, non è raro incontrare fan fastidiosi, ma questa volta queste opinioni sono state condivise anche dai giocatori di F1…

E quindi , George Russell Ha criticato duramente la gestione della Safety Car a fine gara, permettendo Max Verstappen Per vincere la vittoria e il titolo. “Max è davvero un grande pilota che ha fatto una grande stagione”Ha scritto sul suo account Twitter. “Non ho altro che rispetto per lui, ma quello che è appena successo è totalmente inaccettabile. Non posso credere a quello che è appena successo”.

Safety car l’argomento di discussione

La polemica ruota attorno a come Michael Massey, il direttore di gara, ha gestito il periodo di inabilità dopo l’incidente a Nicholas LatifiA cinque giri dalla fine. La procedura è iniziata bene, i piloti si sono riorganizzati dietro la safety car mentre le guardie hanno fatto del loro meglio per rimuovere il più in fretta possibile il monoposto danneggiato dal canadese.

Tuttavia, la situazione è degenerata quando Massey ha dato il seguente messaggio: Le auto in ritardo non potranno sorpassare.. In altre parole, Max Verstappen ha dovuto fare un giro di cinque piloti prima di attaccare il leader. Lewis Hamilton Per provare a vincere il suo primo titolo mondiale.

Ma subito dopo, Christian Horner, presidente Red Bull, contatta il direttore di gara per chiedergli di allontanare i ritardatari. Le regole non sono state rispettate perché al penultimo giro della gara solo gli uomini che viaggiavano tra Hamilton e Verstappen potevano dividersi. Ad aggravare la confusione, Massey ha scelto di riprendere la gara alla fine dello stesso giro e non alla fine del giro successivo come previsto dal regolamento. Con Verstappen con le gomme morbide e Hamilton con le gomme dure, il pilota della Red Bull aveva chiaramente un vantaggio.

READ  Ancelotti ammette: "Eden Hazard merita tempo"

Il cambio al vertice dei ritardatari, la decisione di presentare solo un numero prescelto e la ripartenza della corsa accelerata: questi tre momenti hanno messo Michael Massey, FIA e F1 di fronte a uno tsunami di legittime critiche. Alla fine Massey ha assunto la suprema autorità nel decidere il risultato del campionato, perché sebbene questa differenza nelle condizioni delle gomme fosse esacerbata, tutto dipendeva dalla decisione di riprendere la gara all’ultimo giro.

Leggi anche:

Il problema è come il regolamento è stato ignorato per preparare uno scenario particolare. Il primo messaggio che i ritardatari non potevano sorpassare era anormale perché la procedura standard è di non annunciare nulla a meno che i ritardatari non siano autorizzati a sorpassare. allora mi piace mercedes Ha rilevato in udienza che l’articolo 48.12 del Regolamento Sportivo prevede che una gara possa essere ripresa solo nel giro successivo a quello in cui i ritardatari sono stati chiamati a dividersi. Quindi ad Abu Dhabi la gara doveva finire con la safety car.

Su questo punto le regole non potrebbero essere più chiare e la FIA ha ammesso che non sono state applicate. “nella sua interezza”. Tuttavia, i membri della commissione hanno deciso che altre regole li avevano sostituiti, e quindi non ci sono state violazioni. La FIA si è basata sull’articolo 15.3, che afferma che il direttore di gara ha una “Superpotenza” sulla safety car. Quindi, quando Michael Massey ha deciso che l’Aston Martin dovesse tornare ai box, la sua parola non poteva essere messa in discussione.

giurisprudenza

Questa interpretazione, che è l’interpretazione di alcune regole che prevalgono su altre, l’autorità assoluta del dipendente sulla safety car e su altri aspetti della gara potrebbe costituire un preoccupante precedente.

READ  "Il miglior portiere del mondo": è l'ossessione di Courtois a Madrid!

Ad esempio, l’articolo 15.3 conferisce a Massey il controllo della procedura di avvio. Questo significa che l’australiano può, se lo desidera, dare il via alla gara dopo tre semafori rossi invece dei normali cinque? Con tale piena autorità, i risultati del Grand Prix possono essere influenzati dalle decisioni dell’arbitro in un modo non previsto dalle Regole.

Team e piloti sono tenuti a seguire queste regole. Ma se le regole non contano perché l’autore del corso ha la capacità di ignorarle, è giusto? Nel corso dell’anno la FIA ha preso decisioni strane, dalla non ingerenza ai gesti antisportivi, alle sanzioni difficilmente giustificabili, che hanno fatto precipitare il campo nello stato di ansia più profondo.

Bandiera rossa, risolta?

Alla fine, Michael Massey voleva semplicemente che la gara riprendesse i suoi diritti. L’australiano ha detto durante un’udienza Mercedes “È stato a lungo concordato da tutte le squadre che, per quanto possibile, era altamente auspicabile che la gara finisse sotto la parola ‘verde’”., cioè senza safety car o safety car virtuale.

Questo argomento può essere ascoltato, ma una cosa che non ha senso è il pasticcio in cui Massey si è cacciato per riprendere la gara. Se vuole finire “Sotto il verde” È stato così grande che avrebbe potuto essere realizzato in modo più equo e trasparente esponendo la bandiera rossa.

In effetti, sarebbe stato più saggio interrompere la gara e ricominciare una seconda volta. È quello che è successo in Azerbaigian qualche mese prima dopo la buca di Verstappen. Se così fosse stato ad Abu Dhabi domenica, lo sarebbero stati anche l’olandese e Hamilton È impostato su condizioni di parità con pneumatici nuovi per tutti e una partenza costante. Lo spettacolo avrebbe potuto essere fantastico, e qualunque sia il risultato, è il finale perfetto per una stagione pazzesca.

READ  Judd Bellingham perde le staffe dopo il Classic: "La partita più bella della Germania è stata affidata a un arbitro che ha davvero barato"

Invece, la Formula 1 sta andando dritta verso un inverno rigido in cui la Mercedes può Appello alla decisione della FIA Vai al Tribunale Arbitrale dello Sport. Quello che doveva essere il giorno più felice dell’anno è stato di gran lunga il peggiore. Il pubblico è arrivato persino a parlare di effetti speciali.

Questo risultato è anche molto ingiusto per il pilota, e non è legato ad Hamilton. Con dieci vittorie e molte grandi prestazioni, Verstappen ha dimostrato di avere le carte in regola per essere il campione del mondo. Ha vinto il titolo 2021 in pista. Ma a causa delle azioni dell’autore del corso, alcuni continueranno a pensare il contrario.