Maggio 19, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché la nozione di caduta del ciclismo italiano è stata esagerata

Usato in tutte le salse da molti anni, seguaci e alcuni media, il concetto di caduta del ciclismo italiano è spesso esagerato. In questo giorno dell’inizio del tour in Italia, è l’occasione per ricordare alcuni fatti che, sebbene non siano i migliori, dimostrano che siamo i migliori di tutti i mondi possibili con i nostri vicini e gli amici di Transcolphena. La cura non è così pericolosa come si vorrebbe credere.

Una solida struttura piramidale

Christian Prudhomme ci ricorda spesso che mantenere una struttura piramidale sana e solida è essenziale quando si parla di buona salute o di andare in bicicletta in un paese. Se è vero che in Italia non esiste un’organizzazione di tournée mondiali, il resto andrebbe bene. Con 3 sistemi a squadre professionistiche, non meno di 14 squadre condy (numero totale massimo di questa divisione), i nostri vicini stanno andando molto bene, soprattutto perché ci sono in Francia, ci sono molti club dilettanti, credenti e junior. Abbastanza per catturare e allenare le abilità, soprattutto perché l’Italia ha un calendario agonistico molto completo, compreso il tipo amatoriale, dai professionisti ai giovani.

Ciò consente di spezzare facilmente le abilità

È questa squadra che ci permette di essere fiduciosi perché sta lavorando a pieno ritmo per portare il passaggio al mondo professionistico per i giovani italiani, e meno di 16 di loro si sono assicurati il ​​favore di quest’anno in Division 1 e 2, compresa l’U23. Il Campione del Mondo Filippo Baroncini.

Più giovani nell’arena internazionale

Questo è davvero un altro aspetto dell’impegno dell’Italia, che continua da molti anni a vedere i suoi giovani esibirsi sulla scena internazionale. Italiani sono infatti gli ultimi due campioni del mondo U23 (Baroncini e Batistella), mentre tra le giovanili Tiberi ha vinto il Mondiale 2019. E se a questo aggiungiamo, ci rendiamo conto che i titoli europei di Piccolo, Gazzoli, Dainese e giovanile Afini negli ultimi 5 anni, la fonte è tutt’altro che prosciugata e il serbatoio è ancora lì.

READ  "Novak Djokovic ome Roma dà un nuovo messaggio"

Nonostante l’internazionalizzazione che trasforma un gioco

L’Italia ha ancora lo stesso successo degli anni ’90 o 2000? No, certo che no, questa osservazione si applica logicamente a tutti i principali paesi tranne la Francia, e questo per ragioni che tutti sappiamo dopo l’affare Festina. Il ciclismo è cambiato e si è internazionalizzato, ed è una buona notizia vedere sulla scena corridori sloveni, australiani, colombiani, ecuadoriani o eritrei perché mostra un crescente interesse per il nostro sport sul pianeta, riducendo allo stesso tempo logicamente la partecipazione. Torta per paesi storici. Infatti, quando uno o due decenni fa era qualcosa che era stato pianificato grosso modo contro i migliori corridori di 3 o 4 paesi, ora è necessario affrontare crisi più gravi e internazionali, che innescano il miglior francese. , italiano o spagnolo non significa automaticamente uno dei migliori corridori del mondo, perché 20 o 30 anni fa Pogacar, Roglic, Carapaz, Bernal, Vingegaard, Ghirmay o altri di certo non sarebbero diventati professionisti.

E cicli logicamente lunghi

Ecco perché i cicli di dominazione sono logicamente lunghi e lunghi, perché come accennavo prima il passaggio tra 3 o 4 paesi non avviene più e i divari generazionali sono necessariamente più visibili, come avviene attualmente in Italia. La vera preoccupazione tra Nipali e le nuove generazioni a venire è che sebbene Aru Vulda e Colbrelly abbiano vinto la Paris-Rubைக்iks (ricordate che nessun francese ha vinto il Grand Tour dal 1995 e Fred Geston è stato l’ultimo a vincere il tricolore nel Roupex Velotrom. 1997). La Spagna si prepara a vivere degli anni complicati, come il Belgio dopo Postcondor, Rodriguez e Psy, o Poonam, ma secondo me è una questione di ciclo, lo si vede con l’esempio della Spagna, grazie. Valverde, e dopo anni difficili, ma che vede una grande crisi economica, soprattutto con Ayuso e Rodriguez, sta arrivando una buona generazione. Dopo che le generazioni d’oro di Démare, Pinot, Bardet e Alaphilippe hanno resistito e hanno aspettato che uno o più Romain Grégoire maturassero, la Francia ha rischiato di subire gli effetti di questa depressione il giorno dopo l’apparizione del maremoto. , Secondo me sarebbe più necessario parlare di bicicletta che impegnarsi in un declino del ciclismo francese.

READ  L'italiano sta provando a farsi vaccinare con la mano finta in silicone

Di Carlo Maresciallo