Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché la NASA lancerà tre sonde durante l’eclissi solare del 14 ottobre?

Perché la NASA lancerà tre sonde durante l’eclissi solare del 14 ottobre?

Il 14 ottobre 2023 si verificherà la prossima eclissi solare anulare, durante la quale la Luna oscurerà parzialmente il Sole. Se l’eclissi non sarà visibile in Francia, sarà comunque facile notarla in Nord America, e la NASA intende sfruttarla per lanciare la sua missione. Disturbi atmosferici attorno al percorso dell’eclissi (Aviv). Quest’ultimo, utilizzando tre sensori, mira a studiare gli effetti di un improvviso calo della luminosità solare durante un’eclissi sull’atmosfera, e in particolare sulla ionosfera, la cui dinamica è governata dai raggi ultravioletti provenienti dal sole.

Questo interesserà anche te

[EN VIDÉO] Grande eclissi solare del 21 agosto 2017: immagini straordinarie Un’eclissi solare ha attraversato gli Stati Uniti il ​​21 agosto 2017, suscitando entusiasmo…

È un evento atteso dagli americani amanti del cielo: il 14 ottobre la Terra colorecolore E il SullySully Saranno perfettamente allineati. Questo allineamento eclisserà temporaneamente il Sole e si ritroverà nascosto dietro la Luna. Questo fenomeno è chiamato eclissi solare anulare, che è diverso da un’eclissi solare totale. durante Eclissi solareEclissi solare In totale, la Luna nasconde completamente il disco solare, tanto che quest’ultimo è sostituito da una sagoma lunare molto scura, rivelando solo… Corona solareCorona solare.

D’altra parte, durante un’eclissi solare anulare, la dimensione apparente della Luna nel cielo è leggermente inferiore a quella del Sole: gli osservatori che guardano il cielo vedono apparire un anello molto luminoso attorno al disco durante il culmine dell’eclissi. .anello lunare, detto anche “anello lunare”. feu. feufeu. feu L’eclissi solare anulare del 14 ottobre sarà visibile solo dal continente americano, dove… luminositàluminosità L’aspetto del nostro Sole diminuirà fino a raggiungere il 10% della sua luminosità abituale.

READ  La 1ère ha scelto que vous verrez révélera un trait de votre personnalité...

Effetti sulla ionosfera, uno strato atmosferico controllato dalla luce solare

La ionosfera di un pianeta corrisponde alla sua parte AtmosferaAtmosfera dov’è il GasGas Ionizzati, nel senso che gli atomi lo sono MolecoleMolecole Una o più sconfitte o vincite ElettroniElettroniPertanto, le particelle cariche diventano ioniioni). Per terra,IonosferaIonosfera Occupa gran parte dell’atmosfera e si trova ad un’altitudine compresa tra circa 60 e 1000 km.

La radiazione ultravioletta del Sole è l’origine della ionosfera: quest’ultima Interagiscono con le molecole atmosfericheche a volte consente loro di essere separati (ad esempio, la luce ultravioletta può separare una molecola di ossigeno in due atomi diOssigenoOssigeno), ma anche per ionizzarlo. La luce UV può effettivamente strappare un elettrone da una molecola o da un atomo, producendo una zuppa composta da ioni (a cui manca un elettrone) ed elettroni liberi in uguali quantità. Attraverso questi processi, i gas della ionosfera agiscono come un filtro assorbente, contribuendo a limitare la quantità di radiazioni ultraviolette che raggiungono la superficie terrestre. durante il giorno, Radiazione solareRadiazione solare Le costanti consentono a queste particelle di rimanere separate; Ma quando cala la notte, gran parte di esso si ricompone in molecole o atomi neutri, prima di separarsi nuovamente all’alba.

Dinamica ancora poco compresa durante un’eclissi solare

Durante un’eclissi solare, la luce solare scompare e riappare quasi istantaneamente su una piccola porzione della superficie terrestre. In brevissimo tempo, la temperatura e la densità della ionosfera diminuiscono per poi aumentare di nuovo, producendo tipi di onde che si muovono attraverso la materia, come uno specchio d’acqua in cui si muove una barca. ondeonde (o onde) nella sua scia.

READ  Il rover scopre strani schemi poligonali sepolti nel terreno

Per studiare questi fenomeni, NASANASA Aveva intenzione di lanciare il suo programma Disturbi atmosferici attorno al percorso dell’eclissi (scimmia)È stato implementato in collaborazione con i ricercatori diUniversità aeronautica Embry-Riddle, in Florida. Piccolo aneddoto, la sigla “Aviv” si riferisce al dio egizio Apophis (Aviv in egiziano), un dio rappresentato sotto forma di serpente che, secondo la mitologia, inseguiva il dio sole Ra fino a renderlo quasi completamente scomparire, portando alla sua ricomparsa. Eclissi solare.

Pertanto, l’Agenzia spaziale americana prevede di lanciare tre sonde nella ionosfera, la prima 35 minuti prima del picco dell’eclissi, la seconda durante il picco dell’eclissi e l’ultima 35 minuti dopo. Viaggeranno attraverso la nostra atmosfera ad altitudini comprese tra 70 e 325 chilometri per utilizzare quattro strumenti scientifici che misureranno le differenze… Campi elettriciCampi elettrici Le forze magnetiche della ionosfera, nonché i cambiamenti di temperatura e densità. Durante i loro percorsi (ascensione e discesa), questi sensori saranno in grado di misurare con precisione i cambiamenti che si verificano a diverse altitudini. Le due sonde verranno recuperate al termine della missione per essere lanciate nuovamente durante la prossima eclissi solare totale dell’8 aprile 2024.

L’effetto della ionosfera sui satelliti per le comunicazioni

Allo stesso tempo, completerà molte importanti osservazioni da terra. Ricercatori dell’Osservatorio Haystack, guidati da Istituto di Tecnologia del Massachussetts Il MIT utilizzerà i suoi strumenti per misurare le perturbazioni ionosferiche leggermente oltre il percorso dell’eclissi. Un team di studenti diUniversità aeronautica Embry-Riddle I palloni sonda verranno schierati ad alta quota per misurare i cambiamenti meteorologici man mano che l’eclissi passa.

Tutte queste misurazioni aiuteranno a creare un modello accurato della dinamica ionosferica. Comprenderli è sempre più essenziale perché tutte le nostre comunicazioni satellitari passano attraverso la ionosfera prima di raggiungere la Terra. Sembra quindi necessario comprendere appieno il comportamento della ionosfera ed essere in grado di prevedere i disturbi che vi potrebbero verificarsi.

READ  Ecco i 5 minerali più costosi al mondo nel 2023