Dicembre 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il Belgio ha accolto più rifugiati ucraini in 3 mesi rispetto all’intera “crisi dei migranti” nel 2015?

Dall’inizio della guerra guidata dalla Russia, più di 46.000 ucraini hanno ricevuto un permesso di protezione temporanea in Belgio. In poco più di tre mesi sono stati ammessi nella nostra terra più profughi ucraini di quanti ne siano stati accolti in tutto il 2015, durante quella che è stata definita la “crisi dei migranti”. Nel 2015 sono state registrate 45.630 domande di asilo in un anno, principalmente da Siria, Iraq e Afghanistan.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, poco più di tre mesi fa, sono arrivati ​​nelle nostre terre più di 46.000 ucraini. Si tratta di più del totale degli arrivi di migranti durante la “crisi degli immigrati” del 2015. All’epoca i sentimenti correvano sulle conseguenze di questo “flusso” di accessi, mentre oggi non sembra esserci alcun dibattito. poi Perché l’arrivo del 2015 ha suscitato tante chiacchiere e polemiche, mentre l’afflusso di più ucraini non suscita emozione. Nell’opinione pubblica?

La prima differenza è il trattamento politico di questi fascicoli. L’accoglienza dei profughi ucraini è stata facilitata dalla concessione dell’asilo automatico e temporaneo, mentre i fascicoli dei siriani sono stati elaborati caso per caso, provocando in particolare grandi code e alloggi temporanei nei parchi.

L’arrivo di questi immigrati ha portato all’emergere di stanziamenti politici da parte di più partiti, spesso basati sul rifiuto degli stranieri: dibattito sulla concessione degli assegni familiari, pagamento delle pratiche di asilo da parte degli stessi candidati …

Ci sono più donne e bambini rispetto al 2015

Diverso anche il trattamento dei media: ai tempi della crisi dell’asilo si avvertiva la sensazione di immagini di file interminabili di migranti ai confini dell’Europa. Immagini che hanno suscitato paura in parte del pubblico. Immagini che non abbiamo visto questa volta della guerra in Ucraina.

READ  La guerra in Ucraina: l'omicidio di un giornalista francese

Infine, c’è la vicinanza geografica dell’Ucraina ai nostri paesi. Il fatto che si tratti per lo più di donne e bambini, mentre il 73% degli immigrati ricevuti erano uomini nel 2015. L’obbedienza musulmana ad alcuni rifugiati nel 2015 ha portato anche all’emergere di razzismo che questa volta non si è verificato.

Ciò si spiega in particolare con il fatto che gli uomini ucraini sono stati presi in consegna dalle autorità del loro paese per combattere. Tutti i maschi sani hanno un’età compresa tra i 18 ei 60 anni, ad eccezione di alcuni padri di famiglie numerose. Da qui la presenza della maggioranza di donne e bambini negli arrivi dei candidati rifugiati dall’Ucraina questa volta.

La natura del conflitto è diversa

Anche la natura del conflitto gioca un ruolo in questa differenza di profilo. In Siria dal 2015 una guerra civile con diversi campi. E gli uomini in fuga dalla guerra non sono disertori dell’esercito, ma soprattutto civili che temono l’esercito del presidente tirannico Bashar al-Assad, o che rifiutano di unirsi ad altri campi, come quelli delle fazioni combattenti islamiste. Questa non è una classica guerra tra nazioni con eserciti regolari in cui gli uomini vengono reclutati come in Ucraina oggi.