Gennaio 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Per salvare vite è necessario cambiare comunicazione”


Naso che cola, mal di testa, affaticamento, starnuti, mal di gola: questi sono i primi cinque sintomi scoperti dopo l’infezione della variante di Omicron. Ecco cosa salta fuori dai dati dell’app zoeÈ un sistema britannico che analizza la diffusione del virus Corona nel Paese.

Così, i ricercatori britannici hanno analizzato gli ultimi dati sul territorio di Londra. La metà di coloro che hanno riportato sintomi del raffreddore è risultata positiva al coronavirus, come nel caso della variante delta dominante nel Regno Unito. Ma solo la metà di loro mostrava anche i tre classici sintomi della variante delta: febbre, tosse e perdita dell’olfatto o del gusto. Inoltre, la diminuzione dell’appetito è diventata un nuovo sintomo della variante Omicron.

“Lo abbiamo visto anche in Sud Africa, la perdita dell’olfatto e del gusto è meno comune con la variante Omicron, mentre l’affaticamento in particolare è molto comune”, spiega Marc van Ranst a Nieuwsblad.

Per il gruppo di esperti britannico è fondamentale informare la popolazione di questi cambiamenti dei sintomi. I siti web ufficiali indicano ancora che l’improvvisa comparsa di una forte tosse, febbre e perdita dell’olfatto e del gusto sono i principali segni di infezione da Corona virus. Quindi è un riferimento ai test e all’isolamento”, preoccupa il professor Tim Spector nelle colonne del Guardian. “Mentre per la maggior parte delle persone, Omicron si sente come un comune raffreddore, che inizia con naso che cola, mal di gola e mal di testa. Per salvare vite, la comunicazione è assolutamente necessaria. “

READ  La Corte Suprema degli Stati Uniti autorizza la pena di morte per il controverso condannato per cocktail mortale