Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Per non nasconderti nulla ti parlo dalla palestra’: la surreale intervista tra Putin e Macron per evitare la guerra in Ucraina

Vladimir Putin risponde a Emmanuel Macron, che gli ha appena offerto un incontro al vertice con Joe Biden: “Per non nasconderti nulla, volevo giocare a hockey su ghiaccio (..) Lì, parlando con te dalla palestra”. La fine della telefonata surreale arriva quattro giorni prima dell’inizio dell’attacco russo all’Ucraina.

I nove minuti di conversazione, tanto originali quanto affascinanti, sono al centro del documentario “Un presidente, l’Europa e la guerra”, firmato da Guy Lagache, che racconta il backstage diplomatico degli ultimi sei mesi all’Eliseo e andrà in onda giovedì sera France 2 .

La mattina di domenica 20 febbraio, la telecamera si è soffermata sul consigliere diplomatico del presidente, Emmanuel Bonn, circondato da tre collaboratori, nel suo ufficio in 2 avenue de Elysees.

Il presidente francese, che qualche giorno fa si è recato a Mosca eccome, ha avviato un’ultima mediazione per cercare di prevenire la guerra.

I quattro membri della cellula diplomatica dell’Eliseo seguono a distanza la telefonata del loro “capo” con il maestro del Cremlino.

Emmanuel Macron appare risoluto, offensivo, un po’ categorico e persino fragile. Vladimir Putin non si arrende, si arrabbia. Le disse: “Ascoltami”. Dietro alcune espressioni letterarie russe, l’ironia e persino l’ironia non è affatto lontana.

Il presidente francese inizia la conversazione senza deviazioni: “Vorrei che prima mi dessi la tua lettura della situazione e forse in modo abbastanza diretto, come facciamo entrambi, mi dicessi quali sono le tue intenzioni”, ha detto.

“Cosa posso dire? Vedete voi stessi cosa sta succedendo”, risponde Vladimir Putin, riferendosi agli accordi di Minsk che dovrebbero portare la pace nell’Ucraina orientale, dove i separatisti filorussi sono in primo piano. Manovra dall’annessione della Crimea alla Russia nel 2014. Volodymyr Zelensky è accusato di aver affermato di voler acquisire armi nucleari. “No, niente”, ha commentato Emmanuel Bonn.

READ  Le Pen plus proche que jamais de Macron… voici les ultimes sondages à deux jours du scrutin

“Per colpa di s’en!”

“Infatti, il nostro caro collega Zelensky, non fa nulla (per metterli in atto). Ti sta mentendo”, attacca, secondo la traduzione del documentario, parlando del presidente ucraino.

Il maestro del Cremlino accusa il suo omologo francese di voler “rivedere gli accordi” e chiede che si tenga conto delle proposte di pace avanzate dai separatisti.

Emmanuel Macron ha protestato contro la manifestazione del suo interlocutore: “Non so da dove il tuo avvocato abbia imparato la legge. Guardo solo i testi e provo ad applicarli!” , Egli ha detto.

Vladimir Putin torna sull’accusa, e si rammarica di non aver sentito le voci dei separatisti. “Non ci interessano le proposte dei separatisti!” , afferma il presidente francese, aggiungendo che non è previsto nell’accordo.

Ma l’inquilino dell’Eliseo finge di essere un mediatore. Si propone di incontrare tutte le parti. “Lo ordinerò immediatamente da Zelensky”, insiste.

E ha promesso che “la situazione sulla linea di contatto è molto tesa. Ieri ho chiamato Zelensky per calmarsi. Glielo dirò ancora, calma tutti, calmati sui social network, calma le forze armate ucraine”.

Ha invitato la sua controparte a fare lo stesso con le forze russe precedentemente di stanza al confine con l’Ucraina. Avverte inoltre che “non soccombere a provocazioni di alcun tipo nelle prossime ore e nei prossimi giorni”.

“Resteremo in contatto”

Emmanuel Macron ha finalmente raggiunto l’obiettivo del suo appello, che è quello di convincere Vladimir Putin ad accettare un incontro con l’americano Joe Biden a Ginevra per cercare di ridurre l’escalation del vertice.

Vladimir Putin non è molto entusiasta, nemmeno all’idea di un appuntamento. “Soprattutto, dobbiamo prepararci per questo incontro a monte”, insiste. Emmanuel Macron finisce per prendergli un “accordo principale”.

READ  L'Ucraina annonce avoir repris une ville symbolique aux force russes

Nel frattempo, l’Eliseo annuncerà il prossimo vertice Biden-Putin, che non avrà luogo.

“Rimaniamo in contatto in tempo reale. Non appena succede qualcosa, chiamami”, alla fine Manuel Macron lo fece scivolare dentro. “Grazie, signor Presidente”, conclude Putin in francese.

Dopo quattro giorni, il rapporto sarà amaro. “Non l’abbiamo convinto, ha invaso l’Ucraina”, l’ex moglie di Emmanuel Macron davanti alla telecamera di Guy Lagache.

“Pensavo che attraverso (…) la fiducia e la discussione intellettuale, avremmo potuto trovare un modo con Putin”, ha detto il 16 giugno, sul treno che lo ha riportato da una visita a Volodymyr Zelensky.

Dice che con le violazioni commesse dall’esercito russo, in particolare a Bucha, si è fatto un passo “irreversibile” sul “livello morale”. Poi gli ho parlato molto meno…