Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per la salute globale, pensa e agisci a livello locale a Lione e altrove

Per la salute globale, pensa e agisci a livello locale a Lione e altrove

Questa settimana Radio Anthropocene ti porta un trattamento curativo! La città di Lione sta avviando una politica sanitaria locale globale. possibilità per noi di tornare Sulla trasformazione delle città in ecosistemi più resilienti e che promuovono la salute.

Salute globale: quando le persone si rendono conto della fragilità della vita

La pandemia ci ha ricordato che l’umanità è una specie vulnerabile. Il suo destino dipende anche da salute non umanaCi sono più specie ed ecosistemi minacciati dalla crescente urbanizzazione. All’uscita dal mercato di Wuhan è arrivato un piccolo virus Attraversamento della barriera delle specie paralizzare tutte le nostre economie. Il coronavirus ha riflesso la fragilità dei nostri spazi abitativi. Questo è stato particolarmente vero per le nostre città, che ospitano la maggior parte della popolazione mondiale. Oggi più della metà della popolazione vive nelle aree urbane, ad es 4,4 miliardi di persone. Mentre si credeva strumento di potere e luogo di protezione, la città si è rivelata tale Colosso dai piedi d’argilla ! Le restrizioni hanno sottolineato l’impreparazione delle nostre società urbane. Non avevamo altra scelta che impedire alla popolazione di uscire, per evitare il rischio di infezione globale!

La salute globale è una visione integrata della salute

La crisi sanitaria globale è in definitiva la crisi della città

Consapevoli della loro interconnessione con i quartieri, le città devono reinventarsi. Perché non è ben attrezzato per generalizzare i rischi posti dall’Antropocene. E se l’Antropocene fosse, di fatto, urbano? Come suggerisce il geografo Michel Lusseau?

La crisi della città è, su larga scala, una crisi di abitabilità. IL rischi del cambiamento globale stanno aumentando, soprattutto in città. Affrontano ondate di caldo, isole di calore urbane, rischi industriali, inondazioni… la città è diventata uno spazio sgradevole in cui vivere. Ciò è dovuto alla ristrettezza degli appartamenti con affitti esorbitanti, alla mancanza di spazi verdi o all’abbondanza di inquinamento.

Peggio ancora, sono gli stessi stili di vita urbani a contribuire a queste vulnerabilità sistemiche. Avidi di energia e di terra, le nostre pratiche urbane si normalizzano attorno a valori contrari alle questioni ambientali. È il caso della generale corsa alla velocità, dei consumi eccessivi dovuti alla pubblicità onnipresente.

READ  Perché potrebbe fare bene ai polmoni

Pensa locale per agire globalmente

La politica urbana odierna affronta tutti questi problemi nel tentativo di reinventarsi. Dall’Earth Summit del 1972, è stato coniato da Rene Dubos. Per combattere il cambiamento climatico, è necessario Pensa globalmente per lavorare localmente. Assumiamo qui che sia necessario invertire questa proposta per ottenere un vero cambiamento. La città può – e dovrebbe! Diventare un banco di prova per essere un luogo che rimarrà vivibile anche in futuro. E poiché abbiamo bisogno ora a terraOra è essenziale pensare localmente per agire globalmente!

Cura lionese, emergenza ?

Se la salute è universale, la città può essere il luogo della cura. L’ambizione per la gravità non dovrebbe sostituire la lotta per la competitività urbana? La necessità di trattenere la popolazione piuttosto che cercare di attrarne sempre di più! È l’approccio sostenuto dalla salute ambientale che richiede un concetto collettivo di salute. Lontano dal modello terapeutico dell’applicazione di bende su una gamba di legno, fa dell’ambiente una leva rilevante per agire al fine di promuovere una buona vita. Prendersi cura dello spazio è in definitiva prendersi cura degli abitanti delle città.

Madrid, Prenditi cura di te, connessione locale, 2015.

Sulla base di questa osservazione, i comuni stanno sviluppando programmi di salute ambientale. Ispirato dalla morale Curala città di Madrid ha proposto un programma per diventare città di cura.

Verso una politica sanitaria globale a Lione

Il lavoro sulla salute in città non può essere ridotto a programmi di sviluppo. Rendere più verde o ridurre la mobilità del carbonio contribuisce a migliorare il benessere in città. Non può bastare. Primo, perché non tutte le popolazioni sono esposte ai rischi allo stesso modo. Anche l’azione pubblica deve tener conto di queste disuguaglianze per fare della transizione ecologica un programma socialmente giusto.

READ  L’esopianeta GJ 367b è il nuovo standard per i metalli pesanti?

Inoltre, la preoccupazione per lo spazio deve includere anche i residenti e incoraggiare gli incontri. Perché l’isolamento riguarda soprattutto le fasce di popolazione più vulnerabili: anziani, disabili, ecc. Quindi, prendersi cura degli abitanti delle città significa anche ristabilire la connessione tra umani, e tra umani e non umani. Perché, come diceva il sociologo E. Klinenberg V Opera storicaMaggiore è la sovrapposizione di una comunità vivente, più gli individui sono protetti. Creare “infrastrutture sociali” più resilienti è anche un modo per guarire le città!

Pensare alla salute per curare le città

Come possiamo vedere, la salute è davvero un concetto universale! E da Lione, i team di Radio Anthropocene rifletteranno su questi legami tra salute e città. Un modo per guarire dai mali contemporanei mettendoci sopra delle parole! Per questo, accoglieremo politici, ricercatori e artisti per dialogare insieme su questo tema.

Anthropocene Radio – La città che guarisce – 3 maggio 2023

Rispondi a questo articolo