Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pelle scura e raggi UV… sono idee preconcette per combattere la salute della pelle quando arriva il caldo

Pelle scura e raggi UV… sono idee preconcette per combattere la salute della pelle quando arriva il caldo

“Se mi proteggessi, non mi abbronzerei.”, “Ho la pelle scura, quindi non ho bisogno della protezione solare.”, “L’esposizione ai raggi UV prepara la mia pelle all’abbronzatura.”…troppi preconcetti che possono nuocere alla salute e aumentare il rischio di cancro alla pelle. Con l’avvicinarsi della partenza per la prima vacanza, ecco tre cose che è importante combattere per abbronzarsi in sicurezza.

Secondo un recente sondaggio della Federation of Beauty Enterprises (FEBEA), quasi quattro francesi su dieci (39%) credono di poter saltare la fase della protezione solare, ritenendo di non averne realmente bisogno. Si tratta di un’idea condivisa soprattutto dagli uomini (46%) e dai giovani tra i 25 e i 34 anni. I francesi sembrano piuttosto correre rischi sconsiderati in certe situazioni: il 16% afferma di non proteggersi mai vicino al mare o in piscina, e il 30% in giardino o sul balcone. Una constatazione preoccupante che dimostra la necessità di informare meglio l’opinione pubblica, ma anche di combattere alcuni preconcetti.

La protezione solare non ti fa abbronzare

Nell’immaginario collettivo la protezione solare significa necessariamente la completa assenza di abbronzatura. Bugie, risposte Vibiaspecificando che la pelle è abbronzata “Anche quando si applica una protezione solare superiore a 50.”. Stessa storia a parte Lega contro il cancroCiò dimostra che la produzione di melanina continua anche dopo l’applicazione della protezione solare. “A seconda dei filtri solari utilizzati, il ruolo della protezione solare è quello di assorbire e/o riflettere i raggi UV che raggiungono la superficie della pelle e non di rallentare la produzione di melanina. La reazione difensiva della pelle porta ad un maggiore scurimento della pelle.determina il campionato.

READ  Francia: Neo parla dopo la condanna dei suoi genitori

Dì addio alla protezione solare una volta che ti abbronzi

In vacanza, come nel resto dell’anno, la protezione solare dovrebbe essere la migliore alleata della tua bellezza, anche se la tua pelle è già abbronzata. Secondo l’associazione Sicurezza solareL’abbronzatura può effettivamente ridurre il rischio di scottature, ma certamente non previene l’invecchiamento precoce. “Anche se abbiamo una buona abbronzatura, rispettiamo le indicazioni: niente sole tra le 12 e le 16, niente cappello, occhiali, maglietta e crema”., lei spiegò. FEBEA va oltre, sottolineando l’importanza di non modificare il fattore di protezione solare (SPF) dopo l’abbronzatura: “Il tuo fototipo (colore della pelle) non cambia, anche se sei scuro.”. Ovviamente questo vale per la pelle olivastra e scura, che necessita di protezione dai raggi solari.

La cabina UV prepara la pelle al sole

“I rischi per la salute associati all’esposizione ai raggi ultravioletti artificiali emessi dai lettini abbronzanti sono noti da molti anni”.allertato Baie Nel 2018. Al di là di questi rischi, ci sono molti preconcetti sull’abbronzatura artificiale, incluso quello che aiuta a preparare la pelle al sole. In quanto tale, avverte la Cancer League, non è “noi”. [ne] Bronzo [pas] Meglio con la preparazione della pelle in cabina UV.” Una raccomandazione molto importante se consideriamo che alcune persone si espongono senza protezione a causa dell’abbronzatura artificiale precisa: “L’abbronzatura, che può apparire sotto l’influenza di queste lampade, fornisce solo una protezione debole perché emettono solo raggi UVA, che provocano un ispessimento minimo o nullo della pelle.”.