Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Panspermia: l’ipotesi della vita di origine marziana

Questo articolo è tratto da Science and Avenir Monthly #911, datato gennaio 2023.

E se le creature che vivono sul nostro pianeta, compresi gli umani, provenissero tutte da Marte? E fu il risultato, più precisamente, della colonizzazione di batteri marziani giunti sulla Terra diversi miliardi di anni fa? “Non ci sono prove ufficiali a sostegno di questa teoria, ma diversi esperimenti dimostrano che è teoricamente possibile. André Brack, del Centro di Biofisica Molecolare del CNRS di Orléans.

“La conoscenza degli asteroidi era rudimentale”

L’idea che la vita extraterrestre possa essere il seme del nostro stesso pianeta non è certo nuova. La chiamò panspermia, e fu sostenuta da famosi scienziati come lo svedese Svante Arrhenius, che vinse il premio Nobel per la chimica nel 1903. Credeva che le spore, le forme inerti di alcuni batteri, potessero facilmente diffondersi nello spazio, spinte o trasportate da la pressione della radiazione dagli asteroidi solari.

“All’epoca si credeva che la vita potesse diffondersi ampiamente nel sistema solare. Anche la conoscenza degli asteroidi era rudimentale. Da qui queste speculazioni, sulle quali ora la comunità scientifica sta diventando più scettica”. Jean Duprat, ricercatore presso il Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi, riassume.

300 meteore marziane hanno colpito la Terra

Tuttavia, il sistema Terra-Marte è un caso speciale. Perché i due vicini dovevano essere molto simili 4 miliardi di anni fa. Tutti loro avevano un campo magnetico globale, un’atmosfera densa, vulcani attivi, così come acqua liquida e composti organici. Ma Marte, più piccolo della Terra, si è raffreddato più velocemente, André Braque ricorda. E così è stato possibile fornire, in primo luogo, condizioni favorevoli alla vita. “Potenziali microrganismi marziani potrebbero quindi essere espulsi dopo l’impatto con l’asteroide. Poi viaggerebbero nello spazio fino a cadere qui, come i quasi 300 meteoriti marziani identificati finora.

READ  Creare un percorso per la salute, lo sport e la botanica

Naturalmente, i microbi dovrebbero sopravvivere a una simile epopea. Tuttavia, molti studi condotti dagli anni ’80 attestano che i licheni o le spore batteriche sopravvivono a un’accelerazione un milione di volte maggiore della gravità. E le onde d’urto equivalgono a 40 milioni di Pa!

Esperimenti condotti sulla Stazione Spaziale Internazionale, nel 2020, hanno dimostrato che i batteri poliestremofili Deinococcus radiodurans (soprannominato “Conan”) Può resistere alla microgravità, al vuoto criogenico e alla luce ultravioletta. E questo per diversi anni, grazie a uno strato di cellule morte che protegge il resto della colonia. Questo è più breve del tempo impiegato da alcuni meteoriti marziani per raggiungere la Terra.