Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pallavolo. Andrea Gianni e come il metodo italiano è stato adottato dalla squadra francese di pallavolo

Francia – Germania

Questo venerdì alle 17:30 (L’Equipe Live)

Arrivato lo scorso marzo, Andrea Gianni ha subito lasciato il segno nella squadra di pallavolo francese. Per i primi passi nella competizione, il tecnico italiano ha vinto la Lega delle Nazioni, la “vera” prova dell’anno, prima di guardare ai Mondiali di Polonia e Slovenia (26 agosto – 11 settembre).

Gianni conosceva bene la squadra francese prima di succedere alla colonna express di Bernardino, Laurent Tilley. “Quando era allenatore della Slovenia o della Germania, si è spesso confrontato con la Francia. Ha visto il nostro modo di lavorare, il nostro stile di gioco e questo lo ha aiutato”, ha detto l’alsaziano Benjamin Doniuti.

È con questa consapevolezza che Andrea Gianni vuole fare di questo Mondiale un successo, la Francia deve essere tra le migliori al mondo. “Conosciamo la storia di questa squadra, che mostra sempre un grande fallimento dopo un grande risultato. È tempo che tutta la squadra trovi soluzione, armonia e concentrazione”, spiega l’allenatore, che vuole che ogni giocatore si senta utile alla squadra.

“Andrea vuole preparare ogni giocatore ad essere disponibile ad un certo punto per dargli fiducia ai Mondiali. Per un set, per un punto, per una partita, per entrare in semifinale in una bella partita, potremmo averne tutti bisogno… la sua mentalità è quella di sensibilizzare tutti, spiega “Dotty” altrove. Le partite dei Blues erano in “VNL” o amichevole contro il Brasile, dove tutti i giocatori giocavano in campo contemporaneamente.

Aderisce alla cultura francese

L’arrivo di Gianni in Francia è stato facilitato soprattutto dal rispetto per questo gruppo unico. “È una cultura. È importante capirla quando entri nella squadra. È il suo modo di vivere, non dovrebbe cambiare la sua identità, questo è il suo carattere. Sta a me capire questa mentalità e aiutarli ad andare avanti”, ride il ex pallavolista professionista, che ha parlato con l’allenatore storico Laurent Tilly Ho parlato molto con Laurent (Tilly), ma si trattava più di capire la storia dei giocatori e dello staff. »

READ  La Provenza è sull'ora italiana di Venezia

E sul campo, questi sono giocatori con lo stesso brio che abbiamo visto prima. “Ha rispettato la nostra squadra e la nostra identità, ci ha dato un po’ di libertà, che è importante per noi. Altrimenti non funzionerebbe. Dobbiamo poterci esprimere sul campo”, spiega Jean Patry, supportato da uno dei matricole della selezione, Benjamin Diez. “Ci fa lavorare bene e fuori dal campo ci fa vivere bene. Inoltre, il primo torneo e il primo titolo gli vanno bene; Tutti sono d’accordo”.

“E’ l’allenatore perfetto per noi”.

Andrea Gianni ha avuto anche l’opportunità di allenare alcuni giocatori francesi in Italia, come Erwin Ngabeth e Genia Grepennikov a Modena o Trevor Clevenot a Milano. E il libero elogia il tecnico: “Per noi è l’allenatore giusto. Si inserisce bene nella linea di Laurent (Dilli) perché ci porta ad alto livello, ci fa vincere e Gianni ci permette di essere ad alto livello . È un ottimo allenatore. Parigi-2024 È lì per guidarci”, afferma Grebennikov, che apprezza particolarmente l’apertura del suo nuovo allenatore. “È molto aperto, sa di cosa abbiamo bisogno, capisce la nostra fatica come giocatori che devono lavorare in estate dopo tanto tempo. Ci sono molti scambi con lui. Non è qui per disturbarci.

Tutti e tre i giocatori hanno una perfetta padronanza della lingua italiana e di solito fungono da traduttori per alcuni compagni di squadra un po’ più nuovi della zona. “Parla italiano come il resto dei giocatori e la connessione è stata stabilita rapidamente”, ha osservato Benjamin Diez, arrivato in Francia nell’estate del 2021. E se non parla italiano, questo non gli impedisce di capire. Le indicazioni del suo allenatore in campo. “C’è sempre un traduttore. Dopodiché, l’italiano è molto facile da capire. Anche se sono un po’ limitato negli scambi, ci capiamo e quando ci diciamo qualcosa di importante, lo facciamo.

READ  Meneskin: 5 cose sul debutto della band italiana su 'SNL'

“La comunicazione è più importante della tecnologia”

Per Andrea Gianni, questa interazione è fondamentale per l’applicazione dei suoi metodi di lavoro. “Mi permette di essere più diretto con i miei giocatori”, anche se gli piace essere preciso nelle spiegazioni, “parla italiano e Donuti (Benjamin) capisce bene, vai a tradurre. Io. La comunicazione è più importante della tecnica. Secondo Genia Grebnikov, padroneggiare l’italiano è un po’ Aprirà delle porte ai tricolori». E’ un problema per 2-3 giorni ma non è troppo complicato. Ciò consentirà loro di candidarsi in Italia.

Non riuscendo a padroneggiare la lingua, i francesi sfruttano anche la tecnica italiana, consentendo loro di acquisire nuovi modi di lavorare nella loro ricerca dell’eccellenza. “Ha portato il suo tocco italiano attraverso l’analisi video, capendo come, dove e cosa si può migliorare, anche con le statistiche. Questo ci fa scoprire cose nuove”, ha sottolineato Jean Patri.

Questa fiducia, costruita “giorno per giorno” tra l’italiano ei suoi giocatori durante una campagna globale di successo, potrebbe essere ulteriormente rafforzata. Il blues deve iniziare.