Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pagano il gas… 15 volte meno di altri!


Patrick e Javier vivono alla periferia di Bruxelles. Non si conoscono, ma hanno due cose in comune: la benzina non pagano quasi nulla, non vogliono essere martirizzati e hanno la faccia scoperta. Sebastian vuole cautela, “perché è inappropriato dire che non ci interessa la crisi” e Javier ne teme le ripercussioni. “Per quanto riguarda gli alimenti, non voglio che la mia ex moglie sappia che sto bene”.

Cominciamo con Javier, qualunque sia l’esito della guerra in Ucraina, la sua tariffa non cambierà fino a maggio 2023. “A maggio 2020, ho visto sul giornale che il prezzo del gas era basso. I media dicevano di rinegoziare ma nessuno davvero se ne frega, ho chiesto per ogni evenienza. Ho lasciato Engi For Total Energy quando il venditore mi ha detto che il gas era quasi in tariffa sociale. Ho firmato per 3 anni e ho ottenuto una tariffa di 1,6731 c€/kWh. Possiamo dire che Javier non paga quasi nulla. Per fare un confronto, Luminus attualmente commercializza una tariffa fissa a 33 centesimi e tariffe variabili per vari operatori costano tra 11 e 15 centesimi.

Mia moglie ha visto un annuncio Mediamarkt

A pochi minuti di macchina, Sebastian ci accoglie nella sua casa a tre lati. “Non ho ancora acceso il riscaldamento, ma non ci vorrà molto viste le temperature”. Sebastian non è un consumatore attivo come Javier e lo sa in prima persona. “Un giorno mia moglie era al Médiamarkt, all’ingresso del negozio, un venditore Luminus si è offerto di firmare un contratto di alimentazione per un buono da 100 € in negozio. Avevamo bisogno di un nuovo cellulare e non abbiamo esitato”. Era il maggio 2021 e la serendipity sta andando bene da quando Sebastian e sua moglie hanno stipulato un contratto per proteggerli fino a giugno 2023. La coppia paga circa 2,6866 centesimi per kilowattora, che è 15 volte meno della tariffa media di oggi.

Queste persone fortunate non hanno nulla da temere

Nella nostra edizione del sabato vi ho parlato della strana telefonata di Luminus che cercava di mandarmi tra le braccia di un concorrente per infrangere il mio contratto fisso. L’operatore mi aveva propagandato i prezzi più bassi dell’Octa+ sperando di vedermi.

Nonostante i tentativi piuttosto diretti di fermare tutti i contratti fissi, Javier e Sebastian non hanno nulla da temere. Antoine Dumont, da Comparateur-energie.be a noi, ci assicura che “i fornitori di energia non sono obbligati a offrire contratti fissi, ma quando lo fanno non hanno il diritto di recedere dal contratto. Devono andare avanti se si tratta di un contratto fisso – contratto a tempo indeterminato E quando il contratto è a tempo indeterminato, l’operatore deve notificare eventuali modifiche con due mesi di anticipo.

Per chi sogna di trascorrere l’inverno in tranquillità pagando la cifra minima in ritardo. Non si trovano più contratti come Javier e Sébastien. “Negli anni buoni, Mega offriva un forfait di 5 anni e Total Energie e Mega offrivano contratti di 3 anni. Oggi l’unica linea fissa ancora disponibile è su Luminus ma a fine mese sarà svanita . Non resta che una variabile con un prezzo che generalmente cambia ogni trimestre.”

READ  Hebdo Crypto #179 - Notizie settimanali su Bitcoin e criptovaluta