Agro Sarnese Nocerino Pagani Politica Salerno

Pagani, un flop l’accordo Gori-Comune. I cittadini morosi non rispondono

la red - Gambino

Rischia di essere un buco nell’acqua, è proprio il caso di dirlo, l’accordo fra la Gori e il Comune di Pagani, finalizzato a concedere la possibilità ai morosi di regolarizzare la propria posizione.

L’accordo, nulla di nuovo
Ad inizio mese è stato presentato, attraverso un’apposita conferenza stampa (clicca qui per vedere il servizio dedicato), il verbale d’intesa sottoscritto dall’Amministrazione comunale e dai vertici della Gori che proponeva, entro il 30 settembre, cioè oggi, di rivedere la propria posizione debitoria nei confronti della società, concordando una rateizzazione dell’importo ed evitando il distacco del servizio. Nulla di straordinario, un qualcosa che già prima del verbale era possibile fare e lo sarà anche da domani, ma necessario – secondo quanto spiegato qualche settimana fa dal presidente e l’ad di Gori, Michele Di Natale e Claudio Cosentino – perché nel Comune di Pagani c’è la percentuale più alta di morosi dell’intero ambito sarnese-vesuviano. Infatti, il 50% dei paganesi è moroso nei confronti della Gori e anche per più di un’annualità.

La mancata risposta dei cittadini
Per questo motivo si era pensato di pubblicizzare quest’accordo, con l’ausilio di operatori che hanno coperto a tappeto il territorio cittadino per far conoscere i vantaggi del verbale d’intesa e soprattutto capire i motivi dei mancati pagamenti. La solita diffidenza che da anni contraddistingue l’approccio dei cittadini verso l’ente che gestisce il servizio idrico, però, ha avuto ancora una volta il sopravvento, tant’è che la risposta non è stata quella che Comune e Gori si aspettavano, con poche adesioni. La notizia che le tariffe aumenteranno nei prossimi anni (si parla di un aumento del 31% entro il 2019) ha fatto il resto. In diversi casi gli operatori non sono stati ricevuti.

La manifestazione
Inoltre il prossimo fine settimana l’associazione Spazio Aperto, raccogliendo l’invito della rete Civica ATO3, che raggruppa i comitati per l’acqua pubblica, ha indetto una campagna di informazione con distribuzione di volantini e comizi in Piazza Sant’Alfonso, per i giorni 1 e 2 ottobre.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi