Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Orrore al processo per l’infermiera accusata di aver ucciso sette neonati: ‘Stava pompando aria nel loro sangue’

Lucy Lytby, 32 anni, che ha lavorato nell’unità di neonatologia del The Countess of Chester Hospital (Nord Ovest dell’Inghilterra), ed è apparsa a Manchester, ha negato l’uccisione di cinque bambini piccoli e due ragazze e di 10 tentati omicidi tra giugno 2015 e giugno 2016.

Martedì, il secondo giorno del processo, il pubblico ministero Nick Johnson ha raccontato come due bambini siano stati uccisi a sei giorni di distanza l’uno dall’altro.

Il primo, noto come “Baby C”, un bambino prematuro di 5 giorni e dal peso di 800 grammi alla nascita ma le sue condizioni di salute sono considerate soddisfacenti, è morto il 15 giugno 2015 dopo essere stato iniettato aria nello stomaco, attraverso un sondino nasogastrico , che gli ha impedito di respirare e gli ha causato un arresto cardiaco .

Lucy Lytby era in un turno di notte, l’unica nella stanza quando Baby C all’improvviso svenne.

Sei giorni fa, “Baby A” è morto dopo aver iniettato aria nel sangue. L’infermiera era “l’unico custode” in servizio quando “Baby C” e “Baby A” sono morti, così come quando la sorella gemella di “Baby A” è crollata dopo un’iniezione di aria nel sangue. La bambina è stata salvata.

“Quello che vedremo è che il modo in cui i bambini vengono attaccati nell’unità neonatale sta iniziando ad evolversi”, ha detto il procuratore generale.

“Ha iniettato aria nel sangue dei gemelli A e B e ha diversificato la sua tecnica iniettando aria nel bambino C attraverso un sondino nasogastrico”.

Il secondo giorno del processo, che durerà sei mesi, ha detto che Lucy Lytby ha cercato su Facebook informazioni sulla famiglia di “Baby C” poche ore dopo la sua morte. Ha affermato che era “una delle prime cose che ho fatto quando mi sono svegliato”.

READ  Germania e Polonia temono una catastrofe ambientale

La terza vittima, “Baby D”, è morta il 22 giugno, poche ore dopo essere nata con taglio cesareo, tra le braccia del padre, sempre iniettando aria nel sangue. La ragazza aveva sofferto di tre malattie durante la notte, l’ultima delle quali mortale. “Purtroppo, è stata una sua sfortuna che Lucy Lytby stesse lavorando quella notte nell’unità neonatale”, ha detto il procuratore generale.

Dopo questa morte, l’infermiera ha inviato “molte lettere” ad amici per spiegare che la morte dei neonati e il loro disagio potevano essere spiegati da cause naturali.

Un altro gemello, “Baby E”, morirà per un’iniezione nelle vie aeree il 3 agosto 2015, secondo il pubblico ministero. Il giorno successivo, l’infermiera scrisse “falsi appunti (…) destinati a coprirsi”. Ancora una volta cercherà informazioni sui genitori della sua piccola vittima sui social network.

Il giorno dopo la morte di Baby E, l’imputata tenterà anche di avvelenare il suo gemello con l’aggiunta di insulina alla sacca di liquidi che ha nutrito. sarà riscattata.

Il pubblico ministero ha anche detto ai giurati di come un’infermiera abbia tentato tre volte a settembre di uccidere un bambino prematuro che alla nascita pesava 510 grammi ma aveva poco più di 100 giorni. Gli aveva somministrato una dose eccessiva di latte per tubo oltre a una siringa ad aria. Il bambino “gravemente disabile” è sopravvissuto.

Ha spiegato, lunedì, che l’unità neonatale dell’ospedale ha notato un aumento “significativo” del tasso di mortalità e del numero di bambini che hanno perso conoscenza da gennaio 2015 per un periodo di 18 mesi.

“C’erano tossine nel reparto dell’ospedale di Chester”, ha detto.

READ  Guerra in Ucraina: il dannato diario di guerra di un soldato russo

I consulenti pediatrici erano preoccupati per questo aumento dei decessi, e hanno “rilevato che la morte o il coma avevano un denominatore comune (…)” il procuratore generale ha spiegato la presenza di un’infermiera (…) Lucy Lytby”, rilevando che molti decessi avvenne di notte, quando era in servizio.

“Quando Lucy Lytby è passata alle ore diurne, gli svenimenti e i decessi sono passati alle ore diurne”, ha aggiunto.

Lucy Lytby è stata arrestata e poi accusata nel novembre 2020, dopo essere stata interrogata due volte nel 2018 e nel 2019, e deve rispondere a un totale di 22 accuse perché è accusata di aver tentato di uccidere alcuni bambini in diverse occasioni.