Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ora siamo di fronte al peggior tipo di Covid”

Il virus Covid, trattenuto per alcuni mesi, ha cominciato a tornare nella vita quotidiana dei cittadini. Quel guadagno è dovuto, in parte, alla sub-alternativa di Omicron, BA.5, che sta colpendo duramente nel mondo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la malattia diffusa in Cina e negli Stati Uniti può colpire quasi un milione di persone al giorno e ha portato a un aumento globale dei casi del 30% nelle ultime due settimane. Un numero che alla fine potrebbe essere più alto, visto il basso utilizzo dei test.

La CNN ha colto l’occasione per valutare il virus e il minimo che possiamo dire è che i risultati potrebbero preoccupare più di uno. Questa è la versione peggiore del virus che abbiamo visto“, afferma Eric Topol, MD, cardiologo e professore di medicina molecolare. Per questo esperto americano, questo fa”L’evasione immunitaria, già estesa, al livello successivo e, a seconda di ciò, a una maggiore trasmissibilità”.

Ma cosa distingue BA.5 dalle altre sottovariabili? In primo luogo, BA.5 porta a una maggiore contaminazione perché sfugge facilmente all’immunità da infezioni e vaccinazioni precedenti. Per Topol i ricoveri continueranno ad aumentare, anche se la sostituzione non provoca malattie più gravi. “La cosa buona è che non sembra essere associato a ricoveri e decessi in terapia intensiva come le varianti precedenti, ma è davvero preoccupante”.

Secondo Topol, “Una nuova serie di varianti potrebbe emergere dal nulla, in modo simile al modo in cui Omicron è apparso inaspettatamente a novembre con una serie vertiginosa di mutazioni già raggruppate insieme. Inevitabilmente, potremmo vedere una nuova famiglia di lettere greche come l’omicron. C’è ancora spazio per l’evoluzione di questo virus. Da mesi si sta sviluppando in modo accelerato. Quindi dobbiamo fare affidamento su di esso‘, dice il cardiologo.

READ  Divulgazione di legami distinti tra Macron e Uber e malcontento a sinistra

abbandono preoccupante

In Belgio, come in molti paesi del mondo, le restrizioni Covid stanno diventando rare, se non inesistenti. Niente più mascherine, test prima dei voli o altre restrizioni generali durante i grandi eventi.

Questa negligenza comincia a destare preoccupazione dall’altra parte dell’Atlantico. In risposta a una domanda del Wassington Post, Ziad Al-Aly, epidemiologo della Washington University di St. Louis, ha affermato che non dobbiamo abbassare la guardia. “Abbiamo scelto, apposta, di esporci e renderci più vulnerabiliPrima di continuare: “Temo che quando avremo un vaccino per BA.5, avremo BA.6 o BA.7. Questo virus continua a frustrarci”.

Per Akiko Iwasaki, professore di immunologia alla Yale University ed esperta di “Covid-19”, il comportamento umano ha la sua parte di importanza come riportato dal Washington Post. “Temo che porterà più persone a essere infettate e a contrarre il virus lungo. Temo che questa situazione porterà in futuro un gran numero di persone con disabilità e problemi di salute cronici”.

La stessa storia da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del suo Direttore Generale Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Le sottovariabili Omicron, come BA.4 e BA.5, continuano a causare picchi di casi, ricoveri e decessi in tutto il mondo. La sorveglianza è diminuita in modo significativo, rendendo sempre più difficile valutare l’impatto delle varianti sulla trasmissione, sulle caratteristiche della malattia, ed efficacia delle misure anti.Prima di concludere:“Nuove ondate di virus stanno dimostrando ancora una volta che il Covid-19 è tutt’altro che finito”.