Attualità eventi EVIDENZA

Lgbti+, terzo weekend dell’Onda Pride: cortei a Padova, Salerno, Alessandria, Perugia e Modena

Sono cinque le parate che oggi 1 giugno, animeranno altrettante città in occasione della grande mobilitazione organizzata da Arcigay e dalle altre associazioni del movimento LGBTI+.

Intanto da ieri sera a Salerno l’arcobaleno illumina Palazzo di Città

A Salerno il corteo partirà alle ore 18 da piazza Ferrovia e si snoderà per tutto il Corso Vittorio Emanuele fino alla spiaggia di Santa Teresa dove in serata ci sarà un concerto.

Una manifestazione partecipata e trasversale con oltre cinquanta sigle a sostegno del Pride salernitano, in testa amministrazione comunale, provinciale, CGIL, Arci Salerno, Consorzio La Rada, Legambiente Salerno e tante altre.

Madrina del corteo, dal GF14, Rebecca De Pasquale, mentre a fine mese sarà a Salerno la Presidente Laura Boldrini per il Premio Apollo Mediterraneo in occasione dei 50 anni dei Moti di Stonewall.

Il corteo partirà oggi pomeriggio, 1 giugno, alle ore 18 da piazza Ferrovia e si snoderà per tutto il Corso Vittorio Emanuele fino alla spiaggia di Santa Teresa dove, alla sera, ci sarà un concerto.

Sul Lungomare saranno disponibili degli stand promossi dai sostenitori del Pride, dove sarà possibile ristorarsi e, inoltre, quest’anno la manifestazione è anche ecologica. Il corteo, infatti, grazie all’impegno di Legambiente sarà anche PLASTIC FREE e saranno installati dei punti di raccolta di plastica e carta durante il percorso, per evitare siano dispersi e favorirne il riciclo.

“Oggi entriamo ufficialmente nel mese dell’orgoglio – commenta Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay – e lo facciamo in grande stile, con ben cinque pride che attraverseranno da nord a sud tutto il Paese. Non solo: in questi giorni sono stati annunciati due nuovi pride – a Treviso il 29 giugno e a Matera il 20 luglio – che portano a 40 il totale delle manifestazioni in programma per il 2019. Un numero importantissimo, un vero e proprio record, che testimonia la vivacità di una comunità che prende parola e attraversa gli spazi pubblici in ogni angolo del Paese. Non c’è risultato elettorale infausto che possa farci indietreggiare: la battaglia per i diritti, per la libertà e l’autodeterminazione di tutte e tutti, è una via tracciata che non prevede retromarce o battute d’arresto. Il Pride è oggi il più imponente atto di Resistenza, che mette in connessione mondi e culture, oltre ogni confine. Auguro alle cinque città che domani verranno attraversate dai nostri coloratissimi cortei di sentire vibrare fortissimo l’orgoglio, perché è quell’orgoglio che ha prodotto e che ancora produrrà le più importanti trasformazioni”. Info su www.ondapride.it

laRed TV





Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi