Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Omar mi ha ucciso”: la magistratura francese riapre il caso!

Questa decisione costituisce un primo passo prima di un possibile rinvio alla Corte del Riesame, che avrà l’ultima parola sull’organizzazione di un nuovo processo, un evento estremamente raro in Francia.

L’avvocato di Omar Raddad, Sylvie Nawachovich, lo ha accolto come un “passo verso la revisione”. “La battaglia non è finita e ci stiamo dirigendo verso la verità giudiziaria”, ha detto ai giornalisti dopo che la decisione è stata emessa a porte chiuse.

Quanto a Omar Al-Raddad, “è una vera speranza”, ha aggiunto Anna Nowakovitch, a più di trent’anni dall’omicidio.

L’ex giardiniere marocchino, identificato dalla scritta “Omar mi ha ucciso”, tracciata nel sangue della vittima sulla scena del crimine, ha subito il primo rigetto di una richiesta di revisione nel 2002.

La sua nuova domanda, in uno dei casi penali più ambigui e controversi della Francia, si basa sui progressi della scienza del DNA e su una legge approvata nel giugno 2014 che ha allentato i criteri per ottenere la revisione del processo.

Questa è “la prova che mette in discussione la colpevolezza di Omar Raddad”, mi ha detto Nawachovich.

Ho portato alla giustizia le conclusioni di un genetista che ancora una volta ha analizzato la scoperta del 2015: campioni prelevati da foche hanno rivelato tracce di DNA “sfruttabile” e si è rivelato incompatibile con le caratteristiche genetiche dell’ex giardiniere.

In totale, sono state trovate quattro impronte di DNA identiche a quattro uomini, due completamente sfruttabili e due parzialmente sfruttabili, su due porte e un gallone dalla scena del crimine.

Su queste due porte, a simbolo di questo caso, sono scritte le scritte “Omar mi ha ucciso” e “Omar Li R” con il sangue della vittima.

READ  "Le sbarre alle finestre impedivano alle persone di scappare" (video)

Ghislaine Marshall, una ricca vedova di un fornitore di automobili, aveva 65 anni quando fu trovata inzuppata del suo sangue, nel seminterrato della sua proprietà a Mougins (Alpes Maritimes) il 23 giugno 1991.

In appunti del 2019 e del 2020, il genetista annotava la presenza di 35 tracce di DNA maschile sconosciuto sull’iscrizione “Li Ti Umar” e concludeva che queste impronte digitali erano state depositate al momento dei fatti. E nessuna successiva “contaminazione”, soprattutto da parte degli inquirenti.

La Commissione d’inchiesta del Tribunale del riesame ha richiesto ulteriori accertamenti sul punto.

La difesa di un precedente giardiniere ha ritenuto plausibile che queste tracce genetiche fossero state depositate dall’autore dell’incisione. Quindi non è stato scritto da un Marshall agonizzante ma da un uomo, probabilmente l’assassino, che cerca di fare un capro espiatorio.

La prima richiesta, avanzata dall’ex difensore di Omar Raddad, Me Jacques Vergès, era già basata su un’esperienza genetica che ha rivelato il DNA del maschio a “una percentuale molto bassa”, diverso da quello del giardiniere.

Ma il tribunale del riesame ha respinto la richiesta di un nuovo processo, affermando che era “impossibile determinare quando queste tracce siano state lasciate prima, dopo o dopo l’omicidio”.

Omar Raddad era stato condannato nel 1994 a 18 anni di carcere senza possibilità di appello all’epoca, e aveva beneficiato di una grazia parziale del presidente Jacques Chirac, e poi di un’amnistia nel 1998. Tale grazia non costituisce né richiede la revoca del la condanna. innocente.

La famiglia di Ghislaine Marshall ha dichiarato in una dichiarazione inviata all’AFP che “(prende atto)” della decisione che ordina ulteriori indagini.

READ  Ritorno sulla Luna: il decollo del razzo Artemis I. annullato

Nel comunicato si afferma che la famiglia della vittima “vuole che queste indagini pongano fine in modo definitivo al caso che ha attraversato dolorosamente” e “si augurano che questa nuova componente giudiziaria si svolga in un sereno clima mediatico”.