Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Oggetti misteriosi sono stati trovati nascosti nel famoso dipinto di Vermeer

Gli esperti scoprono nuovi oggetti nascosti in “The Milkmaid” di Vermeer. Il pittore lo coprì e vi dipinse.

Tecniche di scansione avanzate hanno rivelato che sotto il semplice muro bianco che fa risaltare gli abiti gialli e blu luminosi della lattaia, Vermeer originariamente dipinse dettagli aggiuntivi.

“Rivela un nuovo Vermeer inaspettato, è incredibile”, ha detto Gregor Weber, capo del dipartimento di belle arti del Rijksmuseum, in una conferenza stampa. Questi cambiamenti significano che la figura iconica della lattaia, mostrata nel dipinto mentre versa gocce di latte da una brocca di terracotta, “sta davanti a noi in modo ancora più monumentale”, osserva.

I ricercatori sapevano, grazie ai raggi X presi una decina di anni fa, che c’erano oggetti nascosti sotto gli strati di vernice “The Milkmaid”, senza sapere quale.

‘troppo carico’

Uno dei risultati più importanti è che l’artista ha dipinto una brocca di legno sulla parete dietro la testa del milkshake.

In precedenza pensavano che potesse essere un riscaldatore. Ma una nuova tecnologia, chiamata “riflessione infrarossa a lunghezza d’onda corta”, ha mostrato chiaramente i dettagli delle brocche e del telaio in legno. Tipicamente utilizzata nelle ispezioni industriali e per scopi militari, questa tecnica produce immagini “pseudo colore” che mostrano il disegno in blu, quando in realtà era in nero.

Il museo ha utilizzato metodi simili per rivelare il processo creativo alla base di “The Night Watch” di Rembrandt e “Girl with a Pearl Earring” dell’artista Vermeer, di cui non sono sopravvissuti disegni o studi.

“Quello che abbiamo scoperto con La Laitière è che all’inizio non c’era un bellissimo muro bianco dietro. No, c’era uno scaffale con delle brocche appese”, ha detto all’AFP il direttore del Rijksmuseum Taco Debets.

READ  Quiz Daniel Radcliffe 1 foto, 1 film : connaissez-vous vraiment sa carrière hors Harry Potter ? - Actus Cine

Dopo aver riflettuto, Vermeer si è detto: “Questa è una composizione molto impegnativa, la dipingerò di nuovo”, dice Dibbets.

“Meno è di più”

Gli esperti hanno fatto un’altra importante scoperta: la striscia ombreggiata precedentemente macchiata può ora essere considerata come un “cesto del fuoco” tessuto di salice, che un tempo era usato per aerare gli indumenti.

I ricercatori hanno anche trovato una linea spessa di vernice nera “applicata frettolosamente” sotto il braccio sinistro della lattaia, suggerendo che Vermeer abbia fatto uno schizzo preliminare apparentemente veloce.

Tutti gli oggetti e i dettagli sono stati ricoperti di vernice da Vermeer nella sua ricerca della perfezione. La griglia per brocche è stata successivamente sostituita da una parete bianca nitida, mentre il cesto è diventato molto più piccolo per gli scaldapiedi.

Le modifiche da lui apportate saranno decisive per le sue opere successive, dipinte con semplicità utilizzando blocchi di colore e giochi di luci e ombre. Può essere trovato in particolare nella sua opera iconica “La ragazza con l’orecchino di perla”, che farà anche parte della mostra principale, hanno affermato gli esperti.

“Ha imparato che meno è meglio”, ha detto Weber.

La mostra, in programma dal 10 febbraio al 4 giugno 2023, riunirà 27 delle 35 opere dell’artista, provenienti da musei di tutto il mondo. Poco si sa di Vermeer (1632-1675), che visse una vita modesta a Delft durante il “secolo d’oro” della pittura olandese.