Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ocean Viking salpa “con sollievo” verso il porto italiano di Ravenna

Attraverso: L’Italia ti ha dato il permesso di sbarcare le 113 persone che hai salvato a bordo della tua ONG SOS Méditerranée. Vichingo oceanico Notte del 26-27 dicembre nel Mediterraneo centrale. Non è una buona notizia che tu sia sbarcato a Tolone il 9 novembre dopo 20 giorni di attesa in mare, dopo le difficoltà che hai vissuto quest’autunno?

Fabienne Lassalle : Questo è un sollievo. Avere un porto di destinazione molto velocemente senza le lunghe attese e le incertezze che danneggiano tutti è senza dubbio un aspetto molto positivo. Questa rapida decisione delle autorità Italiano Un vero cambiamento rispetto a quello che abbiamo vissuto a novembre. Inoltre, non siamo i primi.

Ultimamente non abbiamo dovuto preoccuparci di altre lunghe attese. Altre navi umanitarie come la tedesca L’umanità è una Dove Genitori Geo A Medici Senza Frontiere è stato rapidamente assegnato un porto di sbarco per i sopravvissuti a bordo, in questo caso Salerno e Bari. Lo stesso valeva per le piccole imbarcazioni.

Dovresti andare al porto di Ravenna, nel nord-est dell’Italia. Perché questa scelta?

FL : Questa è una cattiva notizia. Ravenna dista 900 miglia nauticheVichingo oceanico, che rappresenta quattro giorni di navigazione. Perché questa scelta? Non abbiamo spiegazioni. Riceviamo solo notifiche sul nome della porta. Il centro italiano di coordinamento dei soccorsi si riferiva inizialmente a La Spezia nel nord-ovest, poi cambiò idea e ci chiese di andare a Ravenna poche ore dopo senza una vera spiegazione sul motivo per cui eravamo stati inviati.

Le autorità italiane stanno preparando nuove regole, che saranno annunciate a gennaio. Potrebbe essere questo il loro complesso di attività? Per ora possiamo solo osservare i recenti soccorsi della Guardia Costiera italiana sbarcati nei porti siciliani, e noi ONG ne siamo stati inviati ancora di più. Il problema è che ha un costo finanziario, non solo per i nervi della guerra, ma soprattutto per l’uomo.

READ  Gas russo: i boss francesi e italiani invitano Macron e Draghi a "annunciare misure impopolari".

Intendo ?

Siamo l’unica barca umanitaria attualmente operativa Il Mar Mediterraneo La stazione è attualmente al largo, in sosta tecnica prima che le altre tornino in zona. Tuttavia, la scarsità di risorse è così evidente che l’estensione del tempo di navigazione prolunga anche il tempo non in mare. I risultati sono drammatici. Almeno 2.000 persone sono morte e disperse nel Mediterraneo quest’anno.

Arrivare a Ravenna significava almeno otto giorni – quattro giorni fuori, quattro giorni dentro – durante i quali nessuna nave sarebbe venuta a soccorrere le persone in pericolo. Tuttavia, il porto doveva darci il via libera per partire in fretta.

Solo perché è inverno non significa niente partenze. Non appena appare una finestra meteorologica favorevole, le barche prendono il largo.

Paura che la barca non lasci subito Ravenna?

FL : I porti hanno a lungo mantenuto una posizione troppo zelante nei confronti delle imbarcazioni umanitarie e hanno avanzato richieste eccessive di controllo per mantenerle permanentemente a galla. Bisogna riconoscere che negli ultimi tempi abbiamo avuto meno tolleranza per questo tipo di molestie.

Cosa sappiamo delle 113 persone a bordo?

FL : Hanno lasciato Zawiya, a ovest della costa libica, alle 4 del mattino del 26 dicembre. Grazie a un allarme di un telefono di allarme di una ONG, hanno trascorso 24 ore a bordo prima di essere soccorsi. Inoltre 113 persone, vi sono 23 donne, molte delle quali in stato di gravidanza, trenta minori non accompagnati e tre bambini. Molti di loro provengono dalla Costa d’Avorio e dal Niger. Ma è troppo presto per avere più elementi nel loro corso. Il primo giorno a bordo, c’è dapprima un’ondata di cure e le persone, sorprese, sono spesso molto mute.

READ  Saint-Ouen: uno studente italiano di 24 anni è stato aggredito da un autista in fuga