Attualità

In arrivo nuove gelate: salviamo gli uccellini

nuove gelate

Scende la notte e sono previste nuove gelate. È questo il momento giusto per dare un aiuto ai nostri amici pennuti. Piccoli consigli da WWF Italia

Gli animali selvatici che popolano i nostri giardini e le nostre città, stanno affrontando il periodo più difficile dell’anno. Sistemare una mangiatoia in giardino, sul balcone o su un davanzale, potrebbe rappresentare un valido e concreto aiuto per la fauna in difficoltà. “Sul mio davanzale non mancano mai briciole di biscotti, dolci e avanzi di panettone – dice Fulco Pratesi, presidente onorario WWF Italia – . Evitare le briciole di pane che non hanno alcun potere calorifico – . I piccoli uccelli con questo freddo hanno difficoltà ad alimentarsi, non trovando la fonte proteica primaria, costituita dagli insetti”. Le mangiatoie potranno essere costruite con il faidate. On line s trovano tanti tutors che ci guidano , altrimenti basterà un po’ di fantasia. Da una vecchia teiera ed un cucchiaino ad una bottiglia di plastica conun mestolo. Oppure un vecchio cartone del latte o un barattolo del caffè, fino al metodo bio per eccellenza: mezza buccia d’arancia, svuotata dopo una spremuta, appesa ad un albero con dello spago. Potrebbe addirittura diventare un bel gioco da fare con i bambini, per stuzzicare, ingegno, fantasia e perché no, una sana coscienza ambientale.
I contenitori, poi, si possono riempire con una bella miscela di semi o frutta di stagione, secca sbriciolata, molto gradita ai pettirossi. Importantissimo sarà offrire il cibo lontano dalle zone frequentate dai gatti e a una altezza tale da garantire la sicurezza degli uccelli. Un albero, una ringhiera del nostro balcone, un davanzale, andranno benissimo.

E passato questo freddo i nostri amici volatili saranno pronti ad annunciarci la primavera con il loro canto.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+