Agro Nocerino EVIDENZA Scuola Sport video

Nuceria Inclusiva League: lo sport come veicolo di inclusione sociale

Nuceria Inclusiva League, una giornata di sport e inclusione al Centro Polivalente di Nocera Superiore.

Grande successo per la seconda edizione di Nuceria Inclusiva League, torneo di calcio balilla “integrato”. Al Centro Polivalente di Nocera Superiore, si sono sfidati gli alunni di diverse scuole del comprensorio.

Sui tavoli da gioco si sono fronteggiate squadre composte da un atleta disabile e un normodotato. Un’idea di sport inteso come efficace veicolo di inclusione sociale.

Mattinata dedicata alle scuole

Scuole protagoniste nella prima parte dell’evento, iniziato alle 9 del mattino e andato avanti fino alla pausa pranzo. Dunque, spazio soprattutto ai piccoli studenti, che hanno letteralmente invaso il Centro Polivalente di via Vincenzo Russo.

Divertimento e sana competizione, quindi, hanno condito un evento in cui lo sport ha unito i protagonisti, riuscendo al contempo a valorizzare la diversità.

L’organizzazione e i partner

L’evento è stato organizzato in collaborazione con la Federazione Paralimpica Italiana Calcio Balilla, riconosciuta dal Comitato Paralimpico del Coni. Numerosi i partner istituzionali, per un progetto unico e soprattutto sperimentale a livello nazionale :

  • Miur
  • Comuni di Nocera Superiore, Nocera Inferiore, Roccapiemonte e Castel San Giorgio
  • Comitato Italiano Paralimpico del Coni
  • UISP
  • Regione Campania
  • Provincia di Salerno

Le attività pomeridiane

Nel pomeriggio, poi, spazio ai ragazzi del centro diurno assistiti dai giovani operatori, oltre alle esibizioni delle associazioni che hanno aderito al progetto.

In primis la Gabry Dance, associazione di danza sportiva paralimpica, che ha visto esibirsi due campionesse che hanno emozionato il pubblico presente.

È toccato poi alle piccole ginnaste dell’Asd Popilia, atlete con la sindrome di Down reduci da importanti successi a livello nazionale.

Il saluto e il sostegno dell’Atletico Vitalica, società sportiva di Sarno, ha lasciato infine spazio all’Accademia Volley di Teodoro Cicatelli, che ha allestito in sala un piccolo campo di sitting volley, la pallavolo paralimpica, per una partita che ha visto protagonisti anche alcuni ragazzi del centro diurno di Nocera Superiore.

Una grande festa insomma. Una festa dello sport che, meglio di ogni altra disciplina, rappresenta un veicolo di forte inclusione sociale. Un’iniziativa che merita lodi e sostegno e che, c’è da starne certi, nei prossimi anni allargherà ancor più i suoi orizzonti, coinvolgendo tante altre associazioni.

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

laRed TV





Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi