fbpx
Ambiente Attualità Campania EVIDENZA

Nubifragi in Campania, colpito l’Agro nocerino. Danni ai produttori del San Marzano Dop

I forti nubifragi che hanno colpito ieri tutta la Campania hanno messo a dura prova gli agricoltori in un mese di agosto caratterizzato da continui temporali, spesso associati a grandine.

Stamane la Coldiretti Campania riporta alla cronaca grossi danni nell’agro nocerino-sarnese, tra Salerno e Napoli, dove le perdite di ortaggi in pieno campo arrivano anche al 100%. I produttori di San Marzano Dop registrano perdite del 30/40%, dovute all’eccesso di umidità che ha colpito le radici delle piante e i pomodori in maturazione. Danni ai frutteti si segnalano anche nell’area tra Napoli Nord e Caserta, dove negli ultimi giorni si è abbattuta la grandine. Per la stessa ragione si rilevano danni al tabacco, a macchia di leopardo, tra Caserta e Benevento. Preoccupazione in Irpinia per la raccolta delle nocciole. Gli allevatori segnalano difficoltà anche nelle stalle.

Coldiretti ha segnalato anche e forti raffiche di vento, che in alcune aree hanno abbattuto interi filari di meleti e pescheti. La perdita del raccolto di frutta nelle zone maggiormente colpite si stima tra il 70 e il 100%.

Sotto osservazione vigneti e uliveti, aspettando cosa verrà giù dal cielo nei prossimi giorni. Masiello, Coldiretti, sollecita il riordino dei Consorzi di Bonifica.

“Purtroppo siamo costretti ogni anno a fare i conti con l’impazzimento del clima – sottolinea Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania – che alterna periodi fortemente siccitosi, come lo scorso anno, a concentrazioni di precipitazioni in periodi in cui le colture hanno bisogno di sole. Il paradosso è che le forti piogge di questi giorni scivolano via e lasciano solo danni, mentre dovremmo essere in grado di trattenere l’acqua per utilizzarla quando manca. La nostra organizzazione, oltre a spingere facilitazioni nelle assicurazioni, è da tempo in prima linea per rafforzare la resilienza delle imprese agricole. Ben venga la proposta di riordino dei Consorzi di Bonifica, purché vada nella direzione degli investimenti in infrastrutture e tecnologia in grado di reagire ai mutamenti climatici. Stesso discorso vale per i fondi europei, nella cui programmazione deve trovare sempre più spazio il rafforzamento della capacità di reagire agli effetti del climate change”.

laRed TV

ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi