Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie: Decine di migliaia di palestinesi stanno fuggendo dal sud di Gaza

Notizie: Decine di migliaia di palestinesi stanno fuggendo dal sud di Gaza

Decine di migliaia di palestinesi sono fuggiti dal sud della Striscia di Gaza dopo che Israele ha emesso un ordine di evacuazione, sollevando il timore di un nuovo grande attacco in questa parte dei territori palestinesi, che mercoledì è sotto nuovo bombardamento israeliano.

Sul fronte settentrionale di Israele, gli Hezbollah libanesi hanno affermato di aver lanciato “100 missili” contro siti militari israeliani in risposta all’uccisione di uno dei suoi leader in un raid israeliano nel sud del Libano, nel timore che scoppiasse una guerra su larga scala tra i due. campi. .

Mentre i colloqui su un cessate il fuoco a Gaza vacillano, Hamas afferma di aver inviato nuove “idee” ai mediatori per porre fine alla guerra. Israele ha detto che sta “valutando” i “commenti” del movimento islamico palestinese prima di presentare la sua risposta ai mediatori – Egitto, Qatar e Stati Uniti.

Martedì, però, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito che la guerra non finirà finché “non saranno raggiunti i suoi obiettivi”: “la distruzione di Hamas e il rilascio di tutti gli ostaggi” rapiti il ​​7 ottobre durante un attacco senza precedenti di Hamas contro Israele. . Israele.

Il capo di stato maggiore, generale Herzi Halevy, ha riconosciuto che si è trattato di una “lunga campagna”, riferendosi al devastante attacco di ritorsione di Israele contro i piccoli e densamente popolati territori palestinesi.

Nel sud della Striscia di Gaza, da lunedì decine di migliaia di palestinesi hanno lasciato le zone a est di Rafah e Khan Yunis, costretti a ritornare in cerca di acqua, cibo e riparo.

Con una temperatura che sfiorava i 30 gradi Celsius, sono fuggiti a piedi, in veicoli o in rimorchi affollati, tra le rovine di Khan Yunis, la più grande città nel sud di Gaza, da cui l’esercito si è ritirato all’inizio di aprile dopo una battaglia durata più volte . Mesi.

READ  “È un diavolo”, “un lillipuziano ignorante”, “la feccia del sangue innocente”: due élite russe hanno dato fuoco a Putin e al Cremlino

Umm Malik al-Najjar, partito a est di Khan Yunis, ha detto: “Siamo partiti ma non sappiamo dove andare. La situazione è molto difficile, fa molto caldo e abbiamo bambini con noi”.

Secondo le Nazioni Unite, sono circa 250.000 le persone nel mirino dell’ordine di evacuazione emesso lunedì dall’esercito dopo gli attacchi missilistici verso Israele.

Ha aggiunto che questo appello, che riguarda un’area di 117 chilometri quadrati, ovvero un terzo del territorio palestinese, è “il più importante da ottobre, quando è stato impartito l’ordine di evacuazione ai residenti del nord di Gaza” nei primi giorni del la guerra. Lo sottolineano le Nazioni Unite.

– ‘Senza casa, senza acqua’ –

Abdullah Muhareb, 25 anni, residente a Khan Yunis, afferma di essere stato sfollato più volte. Ha appena lasciato di nuovo la città con la sua famiglia senza sapere dove andare.

Ha detto: “Dormivamo per strada senza riparo, senza cibo, senza acqua. C’erano bombardamenti intorno a noi”, mentre le Nazioni Unite affermano che non esiste un posto sicuro nei territori palestinesi assediati da Israele.

Israele non ha indicato se ci sarà una nuova grande operazione nel sud, ma gli ordini di evacuazione che emette sono solitamente un preludio ad attacchi.

Dopo essere avanzato da nord e aver chiesto l’evacuazione delle zone prese di mira, l’esercito ha lanciato il 7 maggio un’operazione di terra nella città di Rafah, che allora era l’ultima grande roccaforte di Hamas, al potere a Gaza dal 2007. .

Ma nelle ultime settimane i combattimenti sono ripresi in diverse zone settentrionali che l’esercito afferma di controllare.

Il 27 giugno è stata lanciata un’operazione di terra a Shujaiya, un quartiere orientale di Gaza City, che ha provocato lo sfollamento di un numero compreso tra 60.000 e 80.000 persone, secondo le Nazioni Unite.

READ  'Blue Monday', soprannominato il giorno più buio dell'anno: perché non fare la fototerapia?

L’esercito ha affermato che continuerà le sue operazioni “contro i siti terroristici” a Shujaiya, Rafah e nel centro di Gaza.

Umm Bashar al-Jamal, 42 anni, rifugiato in un parco giochi a Gaza City, dice: “Siamo fuggiti da Shujaiya cinque giorni fa dopo esserci svegliati dal rumore dei carri armati”. “Le nostre case sono state distrutte”.

– Escalation tra Israele e Hezbollah –

Il 7 ottobre, commando di Hamas si sono infiltrati nel sud di Israele da Gaza e hanno effettuato un attacco che ha ucciso 1.195 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un conteggio dell’AFP ottenuto utilizzando dati ufficiali israeliani. Secondo l’esercito, delle 251 persone rapite durante l’attacco, 116 sono ancora detenute a Gaza, di cui 42 morte.

In risposta, Benjamin Netanyahu ha promesso di distruggere Hamas, che gli Stati Uniti e l’Unione Europea considerano terrorista. Secondo i dati del Ministero della Sanità del governo di Gaza guidato da Hamas, l’attacco israeliano a Gaza ha finora ucciso 37.953 persone, la maggior parte delle quali civili.

La guerra ha causato una catastrofe umanitaria a Gaza, con carenza di acqua e cibo, aiuti insufficienti in arrivo e lo sfollamento di 1,9 milioni di residenti, ovvero l’80% della popolazione, secondo le Nazioni Unite.

La coordinatrice umanitaria delle Nazioni Unite nella Striscia di Gaza, Sigrid Kaag, ha dichiarato: “I civili palestinesi a Gaza stanno annegando nell’abisso della sofferenza”.

Al confine israelo-libanese è aumentata la violenza tra Hezbollah, alleato di Hamas, e l’esercito israeliano.

L’esercito israeliano ha confermato di aver ucciso un comandante militare di Hezbollah. In risposta, Hezbollah ha lanciato missili contro i siti militari israeliani.