Agosto 9, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nonostante sia finora sfuggito al Covid, questo piccolo Paese sta ora soffrendo dei suoi primi due inquinamenti

Con l’eccezione di alcuni casi di confine isolati e isolati, gli Stati Federati di Micronesia sono sfuggiti all’epidemia di Covid grazie alla sua posizione geografica, a circa 1.600 chilometri a nord della Papua Nuova Guinea.

Ma due studenti dell’isola di Pohnpei, la capitale della Micronesia, sono risultati positivi dopo essere arrivati ​​sull’isola di Kosrae all’inizio di questa settimana.

Le ASL hanno poi confermato altri 10 casi positivi tra 11 familiari degli studenti.

Secondo una dichiarazione del governo martedì, la Micronesia si trova ad affrontare una “situazione in rapido sviluppo” e dozzine di casi aggiuntivi sono stati confermati a Kosrae e Pohnpei.

L’Azienda sanitaria locale ha scoraggiato gli assembramenti pubblici e consigliato l’uso delle mascherine, precisando che “tutti i servizi pubblici rimarranno aperti”.

I test successivi hanno anche indicato che 25 dei 28 pazienti con sintomi simil-influenzali in un ospedale di Kosrae sono risultati positivi al Covid.

Di conseguenza, l’isola micronesiana di Yap, situata a circa 2.250 chilometri a ovest di Pohnpei, ha annunciato martedì che i passeggeri e l’equipaggio di una nave locale sono stati messi in quarantena all’arrivo.

Dopo la diffusione del coronavirus in Micronesia, è probabile che le Isole Marshall e Tuvalu siano gli ultimi due paesi del Pacifico non colpiti da Covid.

La Micronesia prevede di revocare le restrizioni sanitarie al confine dal 1 agosto, a condizione che i visitatori mostrino la vaccinazione completa e un risultato negativo del test.

Quando ha annunciato le misure lo scorso maggio, il presidente della Micronesia David Panuelo ha affermato di sperare che l’apertura del confine incoraggerebbe i 100.000 residenti del paese, sparsi su più di 600 isole, a vaccinarsi.