Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Non so più cosa fare’: il disagio di Stella McCartney con re Carlo III | proprietà

Invitata venerdì a Buckingham Palace per una cena organizzata dal re Carlo III, la stilista britannica Stella McCartney ha vistosamente dimenticato le regole del protocollo reale durante il suo incontro con il monarca 73enne, un vecchio amico. “Non so più cosa fare”, ha detto salutando il re.

Piccola seccatura venerdì a Buckingham Palace. Invitata a un ricevimento organizzato dalla famiglia reale britannica prima dell’apertura della COP27, Stella McCartney ha avuto il piacere di incontrare un vecchio amico: re Carlo III. Tuttavia, quando arrivò il momento di salutare il re, la stilista britannica perse un po’ le staffe e non riuscì a seguire il rigido protocollo reale.

All’arrivo, Stella McCartney ha prima teso la mano a Carlo III, prima di baciarlo sulla guancia. Un gesto contrario alle regole reali che vietano qualsiasi contatto fisico con un sovrano britannico. “Vostra Maestà, non so più cosa fare. Penso che dovrei farlo ora”, ha sparato la figlia di Paul McCartney, improvvisando un arco narrativo. Alla fine, le mosse del designer hanno intrattenuto il re Carlo III, così come il primo ministro britannico Rishi Sunak, presente anche al ricevimento.

Le Roy Carlo III e Stella McCartney © AFP

COP27

Servendo questa cena a Buckingham Palace prima della COP27, il re voleva essere in grado di conoscere le misure pratiche per combattere il cambiamento climatico. Il re Carlo III diversi anni fa fece una campagna per proteggere l’ambiente, ma fu costretto a ritirarsi dal vertice, che si tenne in Egitto dal 6 al 18 novembre, sotto la pressione dell’ex primo ministro britannico Liz Truss. A differenza del suo predecessore Boris Johnson, la signora Truss ha rimosso la questione del clima e della protezione ambientale dalla sua agenda, ma è in carica da meno di due mesi ed è stata costretta a dimettersi sotto la pressione del suo partito.

L’attuale capo del governo britannico, Rishi Sunak, aveva inizialmente indicato che non avrebbe nemmeno partecipato alla COP27, ma alla fine ha cambiato idea all’inizio della settimana. Una portavoce del governo ha detto giovedì che il signor Sunak non avrebbe impedito al re di visitare l’Egitto, ma ormai era troppo tardi. Ha detto che questo era “indifendibile dal punto di vista logistico”. Quindi il governo e il palazzo hanno convenuto che Carlo III non sarebbe effettivamente andato a Sharm el-Sheikh.

Leggi anche

Il re Carlo III ospita un ricevimento a Buckingham prima della COP27

Rishi Sunak andrà finalmente alla COP27

READ  L'arrivo di Kate Middleton con Charlotte e George per l'omaggio a Philip