Agro Nocerino Ambiente EVIDENZA

Nocera Inferiore, livello PM10 ancora oltre i limiti. In ballo l’Anello verde.

PM10

Nocera Inferiore: i valori di PM10 che quotidianamente si rilevano nell’aria sono preoccupanti

Sotto accusa l’Anello Verde che, secondo alcuni, non ha sortito gli effetti desiderati.

“Se qualcuno ha solamente pensato che la messa in campo di una chiusura al traffico di un pugno di strade per due ore alla settimana potesse risolvere la problematica inquinamento in città non è solo fuoristrada ma non ha per nulla compreso quello che l’Amministrazione comunale in collaborazione con FIABNocera  sta cercando di costruire”. Così esordisce, con una nota stampa, FIABNocera sui dubbi e perplessità sollevati sul progetto dell’Anello Verde. “Abbiamo come obiettivo la mobilità sostenibile e come mezzo primario l’uso della bicicletta ed è per questo che da tempo stiamo collaborando con l’Amministrazione Torquato per rendere la città di Nocera Inferiore ciclabile e sicura per pedoni e ciclisti. Le iniziative e gli interventi progettati e implementati in questo primo anno in collaborazione gratuita con la macchina amministrativa, sono numerose e integrate. La proposta presentata all’amministrazione, infatti, prevede sia interventi infrastrutturali (hard e soft) sia sul cambiamento dei comportamenti di mobilità dei cittadini. In questa prima fase si è deciso di concentrarsi sui comportamenti, in quanto analizzando le precedenti esperienze sviluppate in contesti urbani simili a quello nocerino, è emerso che è prioritario intervenire prima su questo aspetto che su quello infrastrutturale. Quindi le iniziative organizzate in questi ultimi mesi (Anello Verde e BikeNight) hanno l’obiettivo di agire sui comportamenti, dimostrando alle persone che per gli spostamenti urbani con la bici sono più competitivi dell’auto per tempi e costi. È impensabile immaginare che queste prime iniziative potessero generare degli immediati benefici sulla riduzione delle concentrazioni delle sostanze inquinanti. Tali attività genereranno effetti positivi solo dopo che i comportamenti di mobilità di un numero sostanziale di cittadini nocerini si orienterà verso la mobilità ciclabile e pedonale. Un obiettivo non  utopistico, ma ha bisogno della partecipazione della cittadinanza per raggiungere un benessere psicofisico che allontani lo stress e, perché no, lo smog. Nell’ottica di sviluppare tale consapevolezza collettiva, FIAB continuerà a sviluppare ulteriori iniziative di sensibilizzazione, sperando che si continui a parlare dello smog e dello sforamento del PM10 a Nocera Inferiore abbinandolo all’Anello Verde o alle uscite del mercoledì sera del NoceraBikeNight”.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi