Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

No, la civiltà dell’Isola di Pasqua non è crollata, ma piuttosto il contrario.

No, la civiltà dell’Isola di Pasqua non è crollata, ma piuttosto il contrario.
Lindrick/Getty Images/iStockPhoto No, la civiltà dell’Isola di Pasqua non è crollata, ma piuttosto il contrario.

lindrick/Getty Images/iStockPhoto

No, la civiltà dell’Isola di Pasqua non è crollata, ma piuttosto il contrario.

Storia – L’Isola di Pasqua (o Rapa Nui) è un luogo pieno di mistero. Ci sono ovviamente queste statue, sono tanto maestose quanto misteriose. Ma c’è anche la storia delle persone “scomparse”. Sebbene l’isola non disponga di risorse significative, si dice che gli abitanti abbiano sperperato tutto, abbattendo alberi e divorando tutta la ricchezza disponibile. Di conseguenza, la popolazione potrebbe collassare improvvisamente, consentendo la sopravvivenza solo a pochi individui.

Questa è la teoria principale presentata finora. Che gli studiosi del collasso, incluso Jared Diamond, spesso prendono come (contro)esempio. Ma potrebbe essere completamente sbagliato. Lo dice uno studio dell’Università di Binghamton (New York) pubblicato il 21 giugno sulla rivista Progresso della scienzaSemplicemente non c’è stato alcun collasso… e non ci sono molti residenti a Rapa Nui.

Giardini rocciosi

Per giungere a questa conclusione, il gruppo di ricerca ha innanzitutto identificato e mappato il numero di strutture umane utilizzate per produrre cibo. Il loro numero, che dà un’idea del cibo consumato ogni giorno, ha permesso di stimare il numero di abitanti esistenti a Rapa Nui, prima dell’arrivo dei coloni europei nel 1722.

Le strutture analizzate sono coerenti con i “giardini rocciosi”, una forma di agricoltura in cui il terreno si arricchisce di pietre provenienti da un’altra parte dell’isola. Permisero di coltivare patate e taro, ma anche e soprattutto patate dolci (nell’isola ne esistevano molte varietà). Quando gli europei scoprirono l’isola, riferirono che il 10% del suo territorio era coperto da giardini.

READ  Gli abitanti di Liegi scoprono un pianeta grande quanto la Terra ma dove la notte è infinita e l'anno continua... 17:00

Per verificare questo numero, i ricercatori hanno utilizzato immagini satellitari tradizionali, nonché infrarossi a onde corte (SWIR). Questa tecnologia permette di differenziare le composizioni minerali e il contenuto di acqua, consentendo di caratterizzare meglio i giardini rocciosi. In totale, i ricercatori hanno scoperto che coprivano solo 0,728434 chilometri quadrati, che è molto meno di quanto scoperto da ricerche precedenti.

Modello sostenibile?

Sulla base di questa nuova cifra, i ricercatori hanno ridotto la dimensione della popolazione di Rapa Nui. Secondo loro, sull’isola vivevano tra le 3.000 e le 4.000 persone. Questo è un numero coerente con le tracce di altre civiltà che sono state scoperte. “Le persone hanno effettivamente modificato i loro paesaggi per aumentare la quantità di ciò che possono coltivare in modo intensivo, e quel numero è rimasto molto basso”. Lo spiega il professore di antropologia e scienze ambientali Carl LeBow.

Aggiunge il ricercatore “Questo non è un esempio di disastro ambientale, ma un esempio di come le persone siano sopravvissute nonostante le risorse naturali davvero limitate, e lo abbiano fatto in modo relativamente sostenibile per un lungo periodo di tempo”. Come mostrato nello studio, le idee sulle enormi dimensioni della popolazione di Rapa Nui provengono spesso dalle statue moai.

A causa delle sue dimensioni e del suo peso, molte persone partirono dal presupposto che ci sarebbero volute una società avanzata e un certo numero di persone per realizzare un’impresa del genere. Tuttavia, questa comunità scomparve e molti ricercatori successivamente ritennero che si trattasse di un modello di collasso, che non avrebbe dovuto ripetersi su scala planetaria.

Questo studio fornisce la prova che questo pensiero è sbagliato e che l’Isola di Pasqua potrebbe essere l’opposto. Un luogo con poche risorse, ma dove tutti i residenti prosperano. UN Lo studio risale al 2018 Questa ipotesi tende ad essere convalidata sebbene la tribù Rapanui rappresenti oggi il 60% della popolazione dell’isola.

READ  Sanità: allarme sulla carenza di medici e infermieri nelle scuole

Vedi anche su L’Huff Post :