Attualità Avellino Benevento Campania Caserta Cava de' Tirreni EVIDENZA Napoli Salerno

Nel 2015 sono stati 107mila gli italiani emigrati all’estero

emigrati passaporto

Italiani popolo di emigranti. Nel 2015 sono stati oltre 107 mila i connazionali, per lo più dai 18 ai 34 anni, che hanno scelto di lasciare il Bel Paese. Il 50% dei migranti parte dal Sud.

Roma. La Fondazione Migrantes (organismo pastorale della CEI) ha presentato il rapporto “Italiani nel mondo 2016” e lo scenario che viene delineato è certamente di quelli che ti lasciano l’amaro in bocca che va di pari passo con la diminuzione della fiducia della popolazione al sistema Italia. Il rapporto si riferisce evidentemente al 2015, rispetto al 2014, e prende come riferimento gli italiani iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE). Sono 107’529 gli italiani iscritti in anagrafe, un aumento in punti percentuali del 6.2 rispetto al 2014. Il 50,8% degli iscritti all’AIRE è di origine meridionale, il 33,8% è di origine settentrionale e, infine, il 15,4% parte dalle Regioni del centro Italia.

Le Regioni che contribuiscono maggiormente al fenomeno migratorio.

A dare maggiore supporto al flusso migratorio, sono la Lombardia (+6,5%), la Valle d’Aosta (+6,3%), l‘Emilia Romagna (+6,0%) e il Veneto (+5,7%). Ad andare via sono soprattutto i giovani tra i 18 e i 34 anni (il 36,7%).

SI va all’estero per tentare nuova vita. Destinazione preferita: la Germania.

Al 1 gennaio 2016, gli italiani residenti all’estero sono più di 4,8 milioni (4.811.163), con una crescita del 3,7% rispetto l’anno precedente (+174.516 unità). Dal 2006 al 2016 la mobilità italiana è aumentata del 54,9%: dieci anni fa i connazionali residenti in terra straniera erano poco più di 3 milioni. Spagna (+155,2%) e il Brasile (+151,2%) tra le mete preferite. La metà dei cittadini all’estero (53,8%) risiede in Europa (oltre 2,5 milioni), mentre il 40,6% in America. In valore assoluto, le variazioni più consistenti si registrano, rispettivamente, in Argentina (+28.982), in Brasile (+20.427), nel Regno Unito (+18.706), in Germania (+18.674), in Svizzera (+14.496), in Francia (+11.358), negli Stati Uniti (+6.683) e in Spagna (+6.520).

E la Campania?

Sono 475 mila i cittadini della Campania iscritti nell’anagrafe Migrantes con un’incidenza dell’8.1% sulla popolazione attualmente residente in Regione (5’850’850). I flussi migratori della Campania confermano il dato nazionale con la Germania (17,3%) in testa come meta maggiormente ambita, seguono Svizzera (16,5%), Argentina (12,3%), Regno Unito (8,6%) e Stati Uniti d’America (7,9%).

Le città campane da cui sono partiti il maggior numero di residenti per andare all’estero sono:

  1. Napoli con 42.983 residenti all’estero. Incidenza del 4,4% rispetto all’attuale popolazione residente.
  2. Salerno con 5.232 residenti all’estero. Incidenza del 3,9% rispetto all’attuale popolazione residente.
  3. Padula con 4.253 residenti all’estero. Incidenza del 79,2% rispetto all’attuale popolazione residente.
  4. Torre del Greco con 3.932 residenti all’estero. Incidenza del 4,6 rispetto all’attuale popolazione residente.
  5. Massa Lubrense con 3.717 residenti all’estero. Incidenza del 26,1 rispetto all’attuale popolazione residente.
  6. Teggiano con 3.668 residenti all’estero. Incidenza del 46,0 rispetto all’attuale popolazione residente.
  7. Cava de’ Tirreni con 3.488 residenti all’estero. Incidenza del 6,5 rispetto all’attuale popolazione residente.
  8. Sant’Angelo dei Lombardi con 3.469 residenti all’estero. Incidenza del 81,6 rispetto all’attuale popolazione residente.
  9. Maddaloni con 3.439 residenti all’estero. Incidenza del 39.166 8,8 rispetto all’attuale popolazione residente.
  10. Montella con 3.371 residenti all’estero. Incidenza del 43,3 rispetto all’attuale popolazione residente.

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi